Caricamento in corso...
06 giugno 2013

Europei U-21, la Spagna batte la Russia. Olanda-Germania 3-2

print-icon
ola

L'esultanza dei giocatori dell'Olanda dopo il gol della vittoria sulla Germania firmato Fer (Getty Images)

GRUPPO B . Le Furie Rosse, campioni in carica, battono a fatica la nazionale russa 1-0 con un colpo di testa nel finale di Alvaro Morata. Spettacolare vittoria degli Orange sui tedeschi: Olanda avanti 2-0, poi raggiunta. Nel finale decide Fer

Prima giornata del Gruppo B, con le vittorie della Spagna e dell'Olanda, che salgono a quota tre punti.

OLANDA-GERMANIA 3-2
24' Maher (O), 38' Wijnaldum (O), 47' Rudi su rig. (G), 81' Holtby (G), 90' Fer (O)

Un tempo per parte, un'Olanda propositiva e brillante nel primo tempo e una Germania che si sveglia solo nella ripresa, effettua la rimonta e quanto crede di poter effettuare il clamoroso sorpasso, ecco il gol tagliagambe del neo-entrato Fer, che regala agli Orange una vittoria fondamentale per raggiungere a tre punti la Spagna.

A Petah Tivka, gli olandesi guidati da Cor Pot partono con il piglio giusto. E il portiere tedesco Leno viene messo sotto pressione sin dall'inizio. E se nei primi interventi si comporta in maniera impeccabile, al 24' viene beffato dal tiro di Maher che regala il vantaggio all'Olanda. Dopo meno di un quarto d'ora, il raddoppio del gioiello Wijanldum: il mancino classe '90, con alle spalle già oltre 170 presenze in Eredivise (prima con il Feyenoord, ora con il Psv), si accentra e scarica un tiro non irresistibile. Leno tocca ma la palla finisce in rete. Sembra la condanna per una Germania spenta e senza idee. Ma nella ripresa ecco la reazione. Rudi su rigore accorcia, poi a nove dalla fine è capitan Holtby, il forte mancino del Tottenham, a trovare il pareggio, con un destro chirurgico dal limite. La Germania pensa addirittura al colpaccio. Ma è l'Olanda, con il neo entrato Fer a trovare il gol della vittoria: Leroy Fer stacca più in alto di tutti, al 90' e trova il 3-2 che regala agli Orange tre punti preziosissimi.

SPAGNA-RUSSIA 1-0
82' Morata

A Gerusalemme la Spagna campione in carica comincia l'Europeo 2013 con una vittoria. Non scontata e arrivata solo nel finale, grazie ad un colpo di testa di Alvaro Morata, subentrato nella ripresa. Per la nazionale guidata da Lopetegui un debutto non facile, nonostante la Russia fosse priva della stella Dzagoev, ancora in nazionale maggiore (giocherà venerdì contro il Portogallo, poi volerà in Israele). Difesa spietata quella dei russi, e poca lucidità in zona gol per le Furie Rosse. I pericoli maggiori per la porta difesa da Zabolotni arrivano solo da tiri da lontano, con una punizione di Thiago Alcantara e un tiro di Illarramendi.

La Russia si rende pericolosa solo in un'occasione, con un tiro dalla distanza di Yakolev. La Spagna ci prova con Tello e Rodrigo, che non trova la porta. Ma è l'ingresso di Morata (Real Madrid), a dare la scossa. All'82' insacca di testa una pennellata su punizione di Thiago. Poco dopo, sfiora il raddoppio con un destro che si infrange sul palo. La Spagna non soffre in difesa, ma ha faticato forse più del previsto per sfondare la resistenza russa. Ma la missione tre punti è compiuta. E resta la favorita numero 1.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky