Caricamento in corso...
17 giugno 2013

La Nigeria passeggia su Tahiti. Tehau, un gol per la storia

print-icon

A Belo Horizonte, i campioni d'Africa, grazie anche a una tripletta di Oduamadi, vincono 6-1 nella seconda partita del gruppo B. Il centrocampista firma la prima rete di Tahiti in una Confederations Cup

TAHITI-NIGERIA 1-6
5' e 80' Echiejile (N), 10', 26' e 76' Oduamadi (N), 53' J. Tehau (T), 69' aut. J. Tehau (T).

Guarda la cronaca del match


La Nigeria passeggia su Tahiti. A Belo Horizonte la seconda partita del gruppo B finisce 6-1 per la Nigeria. La prima nella Confederations Cup della nazionale allenata da Eddy Etaeta si chiude con un punteggio da amichevole del mercoledì, quella che di solito si disputa tra una squadra di Serie A e una dilettantistica. Peccato che, stavolta, non si giocasse a Milanello o ad Appiano Gentile, ma al Governador Magalhães Pinto di Belo Horizonte. Uno scenario al quale i simpatici calciatori di Tahiti non erano di certo abituati. Basti pensare che, per esercitarsi al rumore di uno stadio da oltre 70.000 posti, Vallar e compagni negli ultimi giorni si sono allenati con la musica a tutto volume che invadeva lo stadio dagli altoparlanti.

Ma il gol della bandiera di Jonathan Tehau al 54’ vale forse il prezzo del biglietto. O meglio il viaggio in Brasile. Un gol che entra nella storia della Confederations Cup e di questa piccola nazione al centro delle Isole del Vento della Polinesia francese. Un gol che ha fatto impazzire di gioia un paese intero che non aveva mai assaggiato prima certi palcoscenici internazionali, Mondiali e Confederations Cup su tutti. E poco importa se, poco dopo, Tehau firmerà l'autogol del momentaneo 4-1 nigeriano.

La Nigeria, arrivata in extremis in Brasile, vince 6-1, ma il passivo poteva essere anche molto più consistente, se Musa e compagni fossero stati meno benevoli davanti a Samin. Di certo non poteva essere questa partita un test indicativo per i campioni d’Africa. Ma Oduamadi, grazie alla sua tripletta, può comunque festeggiare il primato solitario nella classifica dei capocannonieri di questa Conf Cup. A Salvador de Bahia, giovedì prossimo, contro l’Uruguay, gli uomini di Keshi si giocheranno, come ampiamente previsto, le loro chance di passaggio del turno. Dall’altra parte invece, a Rio de Janeiro, Tahiti vivrà il secondo capitolo della sua favola, quello che la porterà a sfidare la Spagna campione del mondo nel tempio del calcio: il Maracanà. Perché per Tehau e compagni la vittoria più bella è già arrivata: essere in Brasile per questa Confederations Cup.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky