Caricamento in corso...
01 luglio 2013

Rousseff: grande vittoria. E Del Bosque: ogni tanto si perde

print-icon
del

Il volto scuro di Vicente del Bosque che ha visto la sua Spagna perdere dopo 29 risultati utili consecutivi (Getty)

La presidentessa del Brasile si congratula con la Seleçao per il successo in Confederations Cup : "La squadra ha mostrato allegria, creatività, spirito ed unione". Il ct spagnolo: "Qualche volta perdere fa bene". Ronaldo: "Un grande show"

La presidentessa del Brasile, Dilma Rousseff, si è congratulata, con comunicato stampa, con la nazionale brasiliana per la "grande vittoria" sulla Spagna, per 3-0, (doppietta di Fred e gol di Neymar) con la quale ha conquistato la sua quarta Confederations Cup. "In questo giorno storico per il calcio brasiliano invio i miei auguri a tutti i giocatori e allo staff tecnico della nostra selezione per la conquista della quarta Confederations Cup", ha detto la presidente in un breve messaggio sul  blog della Presidenza. La Rousseff ha definito "memorabile" il torneo della nazionale maggiore verdeoro, ed ha affermato che i giocatori brasiliani "hanno mostrato allegria, creatività, spirito di squadra ed unione",  qualità che "conquistarono tutti i brasiliani ed hanno mostrato al  mondo un grande spettacolo". "Io mi unisco a tutti i brasiliani nella celebrazione di questa grande vittoria", ha concluso la  presidentessa

Secondo fonti ufficiali, la Rousseff si è dedicata nel fine settimana ad elaborare la sua proposta di realizzare un referendum popolare su un'ampia riforma politica, una delle richieste dei manifestanti. In rappresentazione della Rousseff, alla premiazione era presente il ministro dello Sport, Aldo Rebelo. Secondo "O Globo", la Rousseff  riceverà la nazionale brasiliana guidata dal tecnico Luiz Felipe Scolari nel 'Palacio del Planalto', sede della Presidenza a Brasilia.

Del Bosque non drammatizza - "Non possiamo vincere sempre ed anche perdere, ogni tanto, è importante". Vicente del Bosque nel chiuso dello spogliatoio del Maracanà non sarà apparso altrettanto serafico, dopo la lezione impartitagli dal Brasile. Un 3-0 che ha interrotto la striscia di 29 partite ufficiali senza sconfitte della Spagna. Ma davanti ai microfoni il ct sceglie di non drammatizzare un ko che ridimensiona la Roja, campione del Mondo e d'Europa in carica e rilancia le ambizioni della Selecao di vincere in casa propria il sesto titolo iridato, l'anno prossimo. "Mi congratulo con il Brasile, hanno fatto meglio di noi. Gli ha girato tutto per il verso giusto" dice il tecnico: "Abbiamo incassato le reti sempre nei momenti cruciali della partita, ad inizio e fine del primo tempo ed appena rientrati in campo dopo l'intervallo. Non abbiamo mai detto di essere imbattibili e questa partita l'ha dimostrato". Ai tifosi spagnoli delusi Del Bosque manda a dire di "essere comunque fieri dei propri nazionali. Non è il momento delle critiche, ma di ringraziarli per tutto ciò che hanno fatto".

Del Bosque ammette che il colpo per il morale è pesante ("e' una sconfitta che andrà analizzata") ma, aggiunge, "i nostri precedenti ci lasciano ottimisti. Abbiamo ottimi interpreti ed un buon impianto di gioco. Non c'è motivo di cambiare strada per una partita persa, anche se meritatamente. Restiamo soddisfatti del nostro percorso nell'ultimo anno. Semplicemente questa sera il Brasile e' stato piu' bravo di noi. Ora abbiamo già lo sguardo rivolto al 6 settembre (sfida con la Finlandia per le qualificazioni del Mondiale 2014, ndr). Vogliamo guadagnarci il diritto di tornare in Brasile".

Neymar miglior giocatore della Confederations - "Una partita storica". Così Neymar, miglior giocatore del torneo, ha definito la vittoria  verdeoro: "Ero ansioso di giocare contro la selezione migliore del mondo. Dovevamo dare più del cento percento per vincere. Ho grande rispetto per la Spagna, ma difendo i colori del mio paese", ha aggiunto il neo acquisto del Barcellona. "Ora, cercherò di arrivare al  meglio al Barcellona. Si tratta di uno dei piu' grandi club del mondo, e che  ha grandi giocatori. Spero di adattarmi rapidamente per poi giocare un eccellente Mondiale con la nazionale brasiliana". Alla fine della partita, Neymar si è presentato alla stampa vestendo una maglietta che aveva sulla schiena il nome dell'attaccante Leandro Damiao, escluso per infortunio. "Damiao faceva parte del gruppo, si è infortunato e non è potuto essere qui, anche lui è vincitore", ha spiegato Neymar.

La benedizione di Ronaldo - L'ex campione brasiliano Ronaldo ha festeggiato con euforia la conquista del titolo della Confederations Cup da parte della nazionale brasiliana. "Non lo dimenticheremo tanto presto. Ci hanno offerto un calcio di classe", ha detto il 'Fenomeno', che ha commentato in tv le gare della Confederations Cup. Secondo Ronaldo davanti alla Spagna i ragazzi di Luiz Felipe Scolari "hanno offerto uno show, dal punto di vista tattico e dal punto di vista fisico".

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky