Caricamento in corso...
16 luglio 2013

Monsieur Cavani: "Grazie Napoli. Sono a Parigi per vincere"

print-icon

Due ore di ritardo per presentare il neo attaccante del Psg. Subito i saluti alla sua ex squadra: "Orgoglioso della scelta. I vice-campioni di Francia? Boh". De Laurentiis gli scrive: "Anni belli, ma nemmeno un contratto fino al 2017 alle tue condizioni"

Primo giorno ufficiale da giocatore del Paris Saint Germain. La nuova avventura di Edinson Cavani, dopo tre stagioni passate al Napoli, riparte dalla Francia e dalla Ligue 1. Dopo aver superato le visite mediche, l'attaccante uruguaiano è stato presentato alla stampa (5 anni di contratto e 10 milioni a stagione). Due ore di ritardo, conferenza slittata dalle 16 alle 18.00, tanto per far crescere l'attesa.

Cavani, monsieur Matador... - "Sono molto felice di essere qui, di far parte di questo progetto che esiste da qualche tempo. Ringrazio tutti quelli che hanno reso possibile questo trasferimento. Voglio ringraziare Napoli e la gente che ha reso possibile il trasferimento. Vengo con gioia e motivazioni. Possiamo vincere e fare cose importanti. Conosco il campionato francese e conosco Lavezzi, così come Pastore e Lugano. Ai tifosi dico che darò il massimo. Ho passato tre stagioni belle e importanti. Ma ho sempre detto che è importante seguire le proprie ambizioni e la voglia di crescere. A loro faccio il mio in bocca al lupo per la nuova stagione. Ora sono qui e darò il massimo perché credo in questo progetto per vincere. E questo rappresenta una motivazione, un modo per crescere come calciatore".

La lettera di De Laurentiis - Oltre al tweet sottostante, il presidente De Laurentiis ha anche scritto una lettera a Cavani. Lettera pubblicata sul sito ufficiale del Napoli: amarcord, ringraziamenti e una piccola stoccata: "Nemmeno un contratto fino al 2017 alle tue condizioni. Ognuno fa le sue scelte, e non te ne voglio. E spero che anche i tifosi del Napoli non te ne vogliano perché ci hai regalato 104 meravigliosi gol".


La gaffe di Edy -
Tornando alla conferenza stampa, ci sono stati momenti di imbarazzo alla domanda di un giornalista francese che ha chiesto al bomber chi fosse arrivato secondo in classifica nell'ultima Ligue 1. Cavani ha esitato un po' e poi ha ammesso di non saperlo. "Non è questo l'importante, quello che mi interessa è il progetto del Psg".

Su Ibra e Leonardo
- "Spero che Ibrahimovic resti, penso di poter fare grandi cose in tandem con lui. Sorpreso di avere il suo stesso salario? Credo che la cosa più importante sia la fiducia di una società e di un allenatore. Il progetto, insomma. Leonardo ha fatto un grande lavoro al Psg. Spero che i problemi possano essere risolti". 

La nuova lingua
-
"Spero d'imparare presto il francese. Ho promesso al presidente che la prossima conferenza stampa sarà in francese. E' stimolante, è importante imparare nuove lingue. Vederemo tra tre mesi...".

Il presidente Nasser Al-Khelaifi - "Tutti conoscono Cavani, tutti lo volevano. Ma oggi lui ha firmato con noi e sono molto felice. Miglior marcatore del campionato itaiano. Spero faccia meglio in quetsa stagione. Spero di continuare il nostro progetto e di vincere il campionato. Abbiamo fatto il massimo in anche Champions. Non è stato facile. Il suo arrivo è la prova che il nostro progetto va avanti per sognare e rendere il Psg il pià grande club d'Europa. Grazie a Blanc (dg del club, ndr)e grazie a Leonardo, che ha fatto un lavoro straordinario in queste ultime stagioni. Peccato che le nostre strade di separino".

La trattativa
- "Non è stato un trasferimento facile quello di Cavani- ha aggiunto Al-Khelaifi -. Così come non è stato facile per il giocatore partire. Lo capisco. Voglio ringraziare il presidente De Laurentiis. La clausola del Napoli per non far giocare insieme Edinson e Ibra? Il nostro allenatore è Blanc, ma è ovvio che questo acquisto è stato fatto per vederli giocare insieme. Detto questo, ripeto che Blanc è l'allenatore".

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky