Caricamento in corso...
24 luglio 2013

Guardiola batte il suo passato: grande Bayern, 2-0 al Barça

print-icon

Amichevole di lusso a Monaco, con la squadra di Pep che supera i catalani grazie al gol di Lahm e al sigillo finale di Mandzukic. Ritmo alto, bel gioco: i bavaresi sono pronti all'impegno di Supercoppa contro il Borussia Dortmund. VIDEO

BAYERN MONACO-BARCELLONA 2-0
14' Lahm, 87' Mandzukic

Guardiola sfida il suo passato e, almeno per il momento, lo batte. A distanza di due mesi dalla semifinale di Champions che spianò ai tedeschi la strada verso il successo di Londra, il nuovo Bayern di Pep si conferma la squadra da battere nel panorama europeo. Ridisegnato da Guardiola, che pian piano sta portando le sue idee in Baviera senza però sconvolgere quanto di buono era stato messo in piedi finora. Non proprio poca roba, vista la tripletta di Heynckes.

L’amichevole di lusso tra i campioni d’Europa e il sempre affascinante Barcellona sorride all’ex allenatore dei catalani, che dà l’impressione di essere già a buon punto con il suo lavoro e con la preparazione. D’altra parte, l’impegno in Supercoppa contro il Borussia Dortmund, replay della finale di Champions attesissimo da Klopp, è dietro l’angolo: e per sabato è bene che tutto funzioni al meglio, per ripartire con il piede giusto e per mettere in bacheca il primo titulo stagionale.

A far capitolare un Barça imbottito di canterani (specie nella ripresa), al 14’, è Lahm, di testa, al quale il nuovo ruolo in cui l’ha provato Guardiola (mezzo destro nel centrocampo a 3, orchestrato dal suo pupillo Thiago Alcantara) favorisce gli inserimenti: Ribery scodella da sinistra, con il destro, il capitano del Bayern entra in area con il tempo giusto e nonostante i suoi 170 centimetri riesce a spizzare la palla quel tanto che basta per lasciare Pinto di sasso. La chiude a 3’ dalla fine Mandzukic, piattone a porta vuota su assist dalla sinistra. Un gol che lascia una sensazione: il Bayern di Guardiola, che a Barcellona ha fatto dello spazio il suo centravanti, difficilmente potrà fare a meno della presenza fisica e dell’abilità sotto porta del croato.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky