Caricamento in corso...
27 luglio 2013

Robben non basta: Supercoppa al Borussia, Pep va subito ko

print-icon

L'eroe dell'ultima finale di Champions firma una doppietta, ma a trionfare è la squadra di Klopp, che si prende la rivincita sul Bayern Monaco con uno spettacolare 4-2. Per Guardiola sfuma la possibilità di aggiudicarsi il primo titolo stagionale

BORUSSIA DORTMUND-BAYERN MONACO 4-2
5' Reus (BD), 54' Robben (BM), 55' aut Van Buyten (BM), 56' Gundogan (BD), 64' Robben (BM), 86' Reus (BD)

Due mesi dopo, Jurgen Klopp riesce a prendersi la sua rivincita sul Bayern che a Wembley gli aveva soffiato la Champions League. Una "vendetta" sportiva che si consuma nella gara che vale la Supercoppa di Germania, primo titolo stagionale in palio conquistato grazie al 4-2 finale, maturato al termine di una partita splendida e ricca di emozioni. Specialmente a cavallo del 55° minuto...

La vittoria degli uomini di Klopp corrisponde anche al primo "buco" di Pep Guardiola, l'allenatore che ha ereditato la squadra più vincente della scorsa stagione con la missione impossibile di fare meglio. Ci riuscirebbe soltanto centrando nuovamente la tripletta di Heynckes e aggiungendoci un altro trofeo: sfumata la Supercoppa di Germania, restano due cartucce, il Mondiale per Club e la Supercoppa Europea contro il Chelsea...

La gara si apre subito nel segno dei gialloneri: la papera di Starke (non c'è Neuer) favorisce il colpo di testa di Reus, e al 5' è già 1-0. Per il pari del Bayern bisogna attendere la ripresa, con l'eroe della Champions, Robben, che zittisce ancora una volta i tifosi di Dortmund. Questa volta, però, l'olandese non fa in tempo a mandare baci ai tifosi che il Borussia si riversa nella metacampo avversaria con una foga e un'energia inaspettate. Eccoci, dunque, al già citato 55° minuto, quello in cui il Borussia passa dall'1-1 al 3-1 nel giro di un paio di azioni. Protagonista in entrambe le circostanze è Gundogan, che prima "costringe" Van Buyten all'autogol (tuffo di testa con cui insacca nella propria porta un cross teso del giocatore del Borussia), poi s'inventa un destro a giro dal limite mentre il Bayern si sta ancora riprendendo dalla mazzata. Il tutto, ripetiamo, in due minuti.

A riaprire uno spiraglio per Guardiola ci pensa ancora Robben, con il gol del 3-2, ed è solo grazie alla traversa che non si va ai supplementari. All'80°, infatti, Thiago Alcantara (partita piuttosto anonima, quella del pupillo di Guardiola) scavalca la linea difensiva del Borussia con una palla morbida imbeccando Muller, che si coordina e colpisce al volo trovando il legno. Scampato il pericolo, il Borussia la chiude: ripartenza veloce di Aubameyang e palla servita per il gol facile facile di Reus.
Per Guardiola l'avventura tedesca inizia male: nel calcio il principio della somma non vale, e mettere il miglior allenatore del mondo sulla panchina della squadra più forte (e ulteriormente rafforzata con il mercato) non significa successo assicurato. L'impressione, almeno per ora, è che per Pep non sarà poi così semplice.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky