Caricamento in corso...
07 ottobre 2013

Prandelli: "Se i Mondiali fossero oggi convocherei Totti"

print-icon

Il ct della Nazionale, che si prepara alle sfide contro Danimarca e Armenia, parla del momento di forma del numero 10 della Roma: "Fantastico". Un altro giallorosso, invece, torna a casa: De Rossi, infortunato, lascia il ritiro

Cesare Prandelli lascia aperta più di una porta a Francesco Totti. Se il Mondiale cominciasse adesso - ammette - non potrebbe fare a meno di convocarlo: "Un Totti così fa  riflettere, fa parlare. E' un Totti fantastico. Se fossimo a ridosso del Mondiale, non ci sarebbero dubbi. Lo convocherei assolutamente". 

Il ct della Nazionale, si gode la forma straordinaria  del capitano della Roma e spera che mantenga la condizione fino ai Mondiali di Brasile 2014, e a questo punto non è escluso che Totti possa rientrare nella rosa del 23 convocati per la spedizione brasiliana. "Un mese prima del Mondiale valuteremo tutto. La priorità - spiega Prandelli - in un torneo come la Coppa del Mondo, è l'atletismo. Presteremo particolare attenzione all'aspetto fisico ed effettueremo una serie di test". Per adesso la Nazionale farà ancora a meno del capitano giallorosso, e si è riunita a Coverciano, in preparazione dei match contro Danimarca e Armenia, in programma l'11 e il 15 ottobre.

De Rossi torna a casa - Da una colonna della Roma a un'altra, Daniele De Rossi, appena arrivato in ritiro a Coverciano, è stato visitato dal medico degli azzurri Enrico Castellacci che ha riscontrato "una tendinopatia all'inserzione dell'adduttore sinistro". Con Prandelli si è deciso di rimandare a casa il giocatore per precauzione.

Messaggio per Lampedusa - Dopo i complimenti a Totti, Prandelli ha voluto affrontare anche un importante tema di attualità come quello della tragedia di Lampedusa: "Tutti noi dobbiamo contribuire a creare una nuova mentalità - ha detto - Non abbiamo ricevuto inviti, ma dovesse succedere non ci tireremmo indietro. Do la mia disponibilità a portare la nazionale a Lampedusa, dare certi messaggi è importante", la promessa del ct azzurro.

"Caso" Balotelli - "Su Balotelli non sono voluto intervenire e non voglio intervenire. Ho deciso di convocarlo perché il nostro modo di affrontare questi argomenti è uno solo: nello spogliatoio guardarci negli occhi e fare un patto per arrivare ai Mondiali preparati anche sotto il punto di vista psicologico, non dovremo essere fragili" prosegue Prandelli in merito alla convocazione dell'attaccante rossonero. "Il Milan ha preso posizione, non ha fatto ricorso e per me questo è molto significativo, la stessa cosa aveva fatto la Roma su Osvaldo due anni fa, anche le squadre dal punto di vista etico stanno cercando di dare un'impronta".

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky