Caricamento in corso...
30 ottobre 2013

Diego Costa "tradisce" il Brasile. Giocherà con la Spagna

print-icon
die

Diego Costa, attaccante dell'Atletico Madrid, ha scelto la Spagna. Facendo infuriare il Brasile (Foto Getty)

IL CASO. L'attaccante dell'Atletico Madrid, che lo scorso marzo aveva debuttato in amichevole con la Seleçao, ha deciso che accetterebbe la convocazione delle Furie Rosse: "Questo paese mi ha dato tutto". Scolari infuriato: "È un traditore"

Non poteva finire altrimenti, con la parola "traditore" a fare da contorno a tutta la vicenda. Un caso internazionale, che lascerà sicuramente scorie nei rapporti tra la federcalcio brasiliana e quella spagnola. Il bomber del momento, Diego Costa, centravanti dell'Atletico Madrid, ha deciso: non giocherà per il Brasile, ma per la Spagna. Una decisione confermata con un video diffuso dal club spagnolo sul proprio canale Youtube.

La Spagna mi ha dato tutto - "È stata una decisione molto complicata, però tutto quello che ho ottenuto nella mia vita lo devo alla Spagna". Con queste parole Diego Costa, classe 1987 e nato a Lagarto, in Brasile, ha spiegato la sua decisione. "Qui mi sento molto apprezzato per tutto quello che faccio, sento l'affetto della gente. Difendere la maglia della Roja è un onore per qualsiasi giocatore, che sia solo per 5, 10 o 15 miunti. Voglio dare tutto per questo paese che mi ha dato tutto".

Una scelta ufficiale - Già nella giornata di martedì era trapelata la notizia che il brasiliano (che lo scorso luglio ha giurato sulla Costituzione, diventando cittadio spagnolo) si fosse recato da un notaio per ufficializzare la propria decisione di rinunciare al Brasile per giocare nella nazionale spagnola, spinto anche da Del Bosque. Con il videomessaggio Diego Costa ha spazzato ogni dubbio: già nelle prossime amichevoli di novembre potrà scendere in campo con la maglia delle Furie Rosse.

In Brasile è un traditore - Lo scorso marzo Diego Costa ha debuttato con la nazionale brasiliana: due presenze, in amichevole, con Scolari che aveva mostrato di essere fortemente intenzionato a convocarlo per il Mondiale 2014. L'assenza di una punta di peso, tolto Fred, è un problema per i verdeoro. E lo stato di forma del centravanti dell'Atletico Madrid (13 gol in 13 presenze in questa stagione) aveva fatto scattare in automatico il desiderio di tutti i tifosi verdeoro. Ora la decisione di dire no al Brasile (le amichevoli non contano a livello di scelta di nazionale). "Sta dando le spalle al sogno di milioni di brasiliani", ha commentato il ct brasiliano Scolari con un comunicato ufficiale. "Un giocatore che rifiuta di rappresentare il proprio paese nel Mondiale di casa è automaticamente deconvocato". Se è vero che nella Spagna la concorrenza è molto vasta per quanto riguarda il ruolo di centravanti, ci aspettiamo un'accoglienza non proprio calorosa per Diego Costa nel caso in cui dovesse essere convocato per il Mondiale. Perché c'è anche questa possibilità, mentre se avesse scelto il Brasile il posto sarebbe stato praticamente garantito. Una scelta di cuore, insomma.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky