Caricamento in corso...
16 novembre 2013

Italia a sprazzi, ci salva Abate: 1-1 con la Germania

print-icon
ita

E' finita 1-1 l'amichevole tra Italia e Germania giocata a San Siro (Foto Getty)

L'AMICHEVOLE . A San Siro la squadra di Prandelli subisce al 7' il gol di Hummels e al 28' trova il pari con il difensore del Milan. Meglio gli azzurri in una ripresa piuttosto accesa. Tre pali dei tedeschi, ma non ci battono da 18 anni

ITALIA-GERMANIA 1-1
7' Hummels (G), 27' Abate (I)

A San Siro finisce 1-1 tra Italia e Germania l'attesa amichevole che ha messo a confronto per la 32.a volta queste nazionali (10° pareggio). Nonostante un avvio di gara incoraggiante, gli azzurri sono stati costretti a rimontare un gol di svantaggio e, sempre nel primo tempo, hanno trovato grazie ad Abate la rete che salva l'onore e ribadisce la favorevole tradizione della nostra selezione contro quella tedesca. Prandelli, che sceglie il 4-3-1-1, conferma la formazione annunciata, con Balotelli e Osvaldo davanti e Montolivo nel vertice alto del rombo centrale. La Germania del ct Loew (100.a panchina), schierata con il 4-2-3-1, punta su Schurrle, Kroos e Muller, mentre Reus e Ozil restano in panchina. Lahm gioca in mediana (cosa che capita spesso nel Bayern Monaco e poche volte in nazionale) accanto a Khedira.

La partita - Convincente l'atteggiamento dell'Italia. O meglio, lo è nei primissimi minuti: al 3' Pirlo sfiora il vantaggio su punizione, mentre Osvaldo, poco dopo, lavora sulla sinistra un buon pallone che per poco Balotelli non aggancia in area. Poi il blackout degli azzurri: su corner di Kroos, al 7', Hummels è bravo ad anticipare di testa Barzagli e, con la complictà del palo, a battere Buffon. Una manciata di secondi più tardi, e sempre di testa, lo stesso Hummels sfiora il raddoppio. Italia confusa e Italia poco propositiva fino a quando un errato disimpegno dei tedeschi, proprio con Hummels, permette a Bonucci di liberare Abate che in area colpisce con un sinistro imprendibile. 
Nel secondo tempo i gol non arrivano, anche se la Germania porta a tre il numero dei legni colpiti (2 pali e una traversa). Partita decisamente più gradevole e accesa (piccolo parapiglia finale), dove l'Italia nel complesso fa meglio degli avversari, complice la vivacità di Candreva e la maggiore propensione offensiva di Criscito.

Cosa non va
- Il gol di Hummels conferma le difficoltà della nostra nazionale sui cross avversari: era successo contro la Danimarca, era sucesso contro l'Armenia ed è successo anche contro la Germania. Nel primo tempo, poi, è sembrata eccessiva la sofferenza sul possesso palla degli avversari. Capitolo amichevoli. La squadra di Prandelli ne ha vinta una sola in due anni: l'ultima contro San Marino (1° giugno 2013); prima e dopo solo pareggi e sconfitte (il 2012 è stato l'anno nero in tal senso).

Cosa va - La reazione al gol di Hummels dimostra che la squadra di Prandelli ha carattere e coraggio. Buono l'impatto della coppia Osvaldo-Balotelli, che però pian piano ha perso vigore. Molto più incisiva la prova offerta nella ripresa, quando con l'ingresso di Candreva (al posto di Osvaldo) e il passaggio al 4-3-2-1 si è riusciti ad impensierire con più puntualità la difesa tedesca, reparto che qualcosa concede sempre.

I numeri dicono sempre Italia...
- Con quest'ultima a San Siro, dove l'Italia ha giocato 54 volte senza mai perdere, salgono a 12 le amichevoli tra le due nazionali disputate nel nostro Paese; 9 il totale delle gare ufficiali. In entrambi i casi gli azzurri sono nettamente in vantaggio, con 7 successi, a fronte delle 2 vittorie dei tedeschi e 3 pareggi nei "test match". La media gol è di 3 reti a partita; le 35 marcature sono suddivise tra le 22 italiane e le 13 tedesche. Tirando le somme, non ci battono da 18 anni (21 giugno 1995). Aspettando un eventuale nuovo confronto al Mondiale del 2014, per ora ci si può accontentare.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky