Caricamento in corso...
02 dicembre 2013

Emma Bonino al ministro polacco: "Liberate i 22 italiani"

print-icon
var

Tifosi della Lazio detenuti a Varsavia (Foto Getty)

Il ministro degli Esteri ha chiesto al collega polacco Radoslaw Sikorski di adoperarsi affinché vengano messi in libertà, anche dietro cauzione, in attesa del processo i 22 italiani detenuti nel carcere di Varsavia

Il ministro degli Esteri Emma Bonino ha chiesto al collega polacco Radoslaw Sikorski di "adoperarsi affinché vengano messi in libertà, anche dietro cauzione, in attesa del processo" i 22 italiani detenuti nel carcere di Varsavia. Lo riferisce lei stessa in una nota.

"Ho chiesto oggi al mio omologo polacco Sikorski chiarimenti su una vicenda che presenta contorni ancora da approfondire pienamente e che vede al momento 22 nostri concittadini detenuti nel carcere di Varsavia. Gli ho anche chiesto di adoperarsi affinché vengano messi in libertà, anche dietro cauzione, in attesa del processo. Sikorski mi ha promesso il suo personale interessamento e si è impegnato ad aggiornarmi tempestivamente", si legge nella nota.

L'ambasciatore italiano a Varsavia Riccardo Guariglia incontrerà domani il ministro della Giustizia polacco per affrontare il caso dei tifosi italiani arrestati dopo i disordini per la partita Legia Varsavia-Lazio. Bonino ha riferito inoltre che lo stesso ambasciatore Guariglia in un suo incontro con il Sottosegretario alla Giustizia polacco "ha sollecitato l'accelerazione delle procedure" per consentire a tutti i parenti dei connazionali di incontrare i propri cari in carcere e portare loro alcuni effetti personali. In giornata ha avuto anche un incontro con il Sottosegretario al Ministero dell'Interno competente per le forze di polizia cui ha illustrato "il carattere emotivo che l'intera vicenda suscita presso il governo e l'opinione pubblica italiana". Gli avvocati difensori che sono in "stretto contatto" con la nostra Ambasciata stanno concordando con le famiglie la linea da seguire e raccogliendo il materiale necessario presso i tribunali polacchi per presentare ricorso il più rapidamente possibile, ha aggiunto la titolare della Farnesina, "rilevando peraltro che la polizia polacca ha sequestrato ad alcuni giovani italiani coltelli, tirapugni e persino un'ascia".

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky