Caricamento in corso...
11 dicembre 2013

Mondiali, il gruppo C: Falcao e Drogba, bomber contro

print-icon
fal

Falcao, Mitroglou, Kagawa e Drogba: queste le star del girone C (Getty Images)

LA SCHEDA . Tattiche, statistiche e uomini chiave delle sfide che vedranno in campo Colombia, Grecia, Giappone e Costa d'Avorio. Mitroglou proverà a portare i suoi agli ottavi, mentre dovrà sudarsi il passaggio del turno la nazionale di Zaccheroni

COLOMBIA
Assente al Mondiale da Francia '98 è arrivata a un passo dalla vittoria del girone sudamericano, dietro solo all'Argentina per 2 punti. Può essere la grande sorpresa, anche in virtù del fatto di essere testa di serie. La spina dorsale della squadra è "made in Italy", Falcao terminale offensivo può fare danni veri.
Tattica: l'argentino Pekerman può contare su un ottimo reparto offensivo, capeggiato da Radamel Falcao, e un centrocampo dove spicca la grinta di Guarin. La difesa è guidata da Yepes e Perea, In generale potrebbe pagare un po' di inesperienza a certi livelli.
Palmares e precedenti mondiali: è alla quinta partecipazione, ma è assente dal 1998. Miglior piazzamento gli ottavi a Italia '90. Ha vinto la Coppa America nel 2001 trascinata da Aristizabal e grazie al gol in finale dell'ex interista Cordoba.
Come si è qualificata: seconda nel girone sudamericano dietro solo all'Argentina con 9 vittorie, 3 pareggi e 4 sconfitte, 27 gol fatti e 13 subiti.



GRECIA
Nazionale ostica, che ha trovato in Mitroglou un bomber di livello internazionale. La squadra di Santos non è certo il bunker di Rehhagel ad Euro 2004: il ct portoghese sa come offendere, ma lo schema predilige sempre una difesa molto attenta e ripartenze letali.
Tattica: vedere la Grecia che gioca con le tre punte a molti sembra un miraggio. Fernando Santos ci riesce, utilizzando pero Salpingidis e Samaras come esterni di un 4-2-3-1 che è più un 4-1-4-1. Mitroglou punta devastante, a centrocampo dice ancora la sua Karagounis.
Palmares e precedenti mondiali: è solo il terzo mondiale per la nazionale ellenica, presente a Usa '94 e a Sudafrica 2010 e sempre eliminata nel girone. Facile ricordare l'Europeo del 2004 come vetta del calcio greco, con la vittoria sul Portogallo.
Come si è qualificata: la Grecia è giunta prima a pari punti con la Bosnia nel gruppo G, ma scontri diretti e differenza reti hanno premiato i bosniaci, qualificatisi direttamente. La Grecia ha dovuto quindi superare la Romania nel playoff (3-1 e 1-1). Da segnalare che nelle 10 partite del girone, la Grecia ha raccolto 25 punti segnando solo 12 gol e segnandone 4.



GIAPPONE
La prima nazionale a qualificarsi, un anno prima di Brasile 2014. Zaccheroni sta portando avanti un lavoro eccellente: campioni d'Asia in carica, i giapponesi hanno le armi per mettere in difficoltà molte squadre. Kagawa, Nagatomo e Honda sono giocatori di fama internazionale.
Tattica: no, niente 3-4-3 classico di Zac. La presenza di tue terzini come Uchida e Nagatomo ha permesso al ct italiano di puntare su un 4-2-3-1 molto collaudato, con la linea dei fantasisti ricca di qualità.
Palmares e precedenti mondiali: quattro volte campioni d'Asia (l'ultima nel 2011), i giapponesi sono fissi ai Mondiali dal 1998, anno della loro prima apparizione. Nel 2002, in casa, e nel 2010 in Sudafrica il Giappone ha raggiunto gli ottavi di finale.
Come si è qualificato: il Giappone ha dominato il proprio raggruppamento, staccando l'Australia: 5 vittorie, 2 pareggi, una sola sconfitta. Okazaki il trascinatore con 8 reti.



COSTA D'AVORIO
La generazione d'oro dei vari Keità, Eboué, Drogba e Touré è quasi giunta al capolinea: tutti oltre i trent'anni, dopo due finali di Coppa d'Africa perse e gli scarsi risultati alle ultime rassegna mondiali, questa è l'ultima occasione per lasciare un segno nella storia del Paese.
Tattica: l'ex Parma e Inter Sabri Lamouchi ha dato un'impronta moderna disegnando un 4-3-3 che, sullo schema di molte squadre di club europee, può adattarsi facilmente in corso d'opera, in quanto Yaya Tourè è libero di offendere, trasformandolo in un 4-2-3-1.
Palmares e precedenti mondiali: due presenze nelle ultime due edizioni, sempre fuori al primo turno. Un successo in Coppa d'Africa nel 1992, due finali perse e quattro terzi posti.
Come si è qualificata: vincitrice del girone preliminare, ha strappato il pass mondiale battendo nel primo spareggio il Senegal. 3-1 all'andata e sotto 1-0 al ritorno, solamente il gol di Kalou al 94esimo ha permesso agli Elefanti di tirare un sospiro di sollievo.


(A cura di Luciano Cremona e Matteo Veronese)

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky