14 settembre 2017

La lettera dell'UEFA rubata: il Leganes e la storia diventata virale

print-icon
Leganes Siviglia

Leganes-Siviglia della scorsa stagione (Foto: LaPresse)

Quinto in campionato ma già campione dei social network: il Leganes ha divertito tutti gli appassionati per un giorno con la storia della lettera dell'UEFA dal contenuto misterioso. La missiva, rubata, è stata poi recuperata e...

Dopo una salvezza conquistata con leggero anticipo nella passata stagione, il Leganes è tra le sorprese del campionato appena iniziato. Sei punti in tre partite, che proiettano gli spagnoli al quinto posto nella Liga. Un piazzamento che, se tenuto fino a maggio, garantirebbe un’incredibile qualificazione in Europa. Ovviamente, siamo ben lontani dall’epilogo stagionale ed effettivamente il Leganes compirebbe una vera e propria impresa sportiva se riuscisse ad entrare tra le prime cinque di Spagna. Tuttavia, l’ottimo avvio sta regalando una certa euforia all’ambiente e alla stessa società, che ha deciso di rendersi protagonista di una storia social molto divertente. Tutto inizia quando due giorni fa dall’UEFA arriva una lettera e attraverso il proprio profilo Twitter il Leganes li accusa scherzosamente di volerli destabilizzare; quindi invita gli utenti a decidere, attraverso sondaggio, se è meglio aprirla o chiuderla in un cassetto. 

Il misterioso furto e l’epilogo

Vince la seconda opzione, al termine di una votazione che ha coinvolto 12 mila persone. Così, la missiva viene riposta ma poi accade l’imponderabile. La lettera ancora sigillata viene rubata, con tanto di foto sia del posto dove prima era stata posata e poi del corridoio all’esterno della sala che è totalmente buio e dove non si intravedono potenziali sospetti. Il mistero dunque si infittisce, quando poi ieri si è giunti alla fine della vicenda, con l’apertura filmata della lettera. Il contenuto è relativamente interessante: una guida ai campionati europei che l’UEFA spedisce a tutti i club. Insomma, per una storia così la salvezza andrebbe assegnata d’ufficio!

 

I PIU' VISTI DI OGGI