01 gennaio 2018

Barcellona, Valverde: "L'addio di Neymar è stato duro. Vogliamo vincere tutto, Messi il top nel mondo"

print-icon
Ernesto Valverde

Ernesto Valverde, allenatore del Barcellona (fonte Getty)

L'allenatore del Barcellona fa il punto sulla stagione: "L'addio di Neymar è stato duro, poi c'è stata anche la sconfitta in Supercoppa che ha portato pessimismo. Abbiamo invertito la rotta, ora vogliamo vincere tutto. Qui a Barcellona è una sorpresa continua, Messi il giocatore migliore al mondo"

Clàsico dominato e stravinto nell'ultima giornata di campionato al Bernabeu, primo posto in classifica con nove punti di vantaggio sull'Atletico Madrid e a febbraio una bella sfida contro il Chelsea per proseguire il cammino anche in Champions League. La prima parte di stagione, per il Barcellona di Ernesto Valverde, è stata estremamente positiva. Nonostante l'improvviso addio di Neymar, perdita importante per la squadra blaugrana. "Abbiamo fatto il precampionato atipico e quando eravamo negli Stati Uniti è stata ipotizzata la sua partenza. E' stato un momento complicato per diversi motivi. E' stata un'operazione che ha colpito molto l'ambiente e oltre a questo c'è stata anche la partita negativa contro il Real Madrid (la Supercoppa di Spagna, ndr). Insomma, tutto sembrava negativo, mentre a Madrid erano molto più fiduciosi, da noi si stava profilando un sentimento pessimista, ma a poco a poco abbiamo invertito la rotta. Vogliamo vincere tutto, ma ancora non abbiamo vinto nulla. Voglio che la squadra vada avanti con questa fiducia e questa idea. Non possiamo pensare a questo vantaggio o a speculare sui punti. Dobbiamo guardare avanti, preoccuparci solo di noi stessi, delle nostre partite, degli avversari che non ci vedono cadere, è questo che li può sfiancare". 

"Messi è il miglior giocatore al mondo"

Ernesto Valverde ha quindi, in pochi mesi, conquistato il Barcellona, trasformando il pessimismo in entusiasmo. I risultati, al momento, gli stanno dando ragione e l'allenatore fa un po' il bilancio di questa prima parte di stagione: "Al Barcellona – prosegue l'allenatore blaugrana - ogni giorno è una sorpresa, non nego che all'inizio mi sono dovuto adattare ai giocatori, all'inizio mi è costato un po', ma poi le cose sono andate a posto. Leo Messi? E' il miglior giocatore che puoi incontrare nel mondo. Trasforma ogni palla che riceve in modo straordinario, è impossibile migliorare quello che fa e poi vedo come affronta le partite, l'impegno che mette sempre e comunque. E questo è un impulso per tutti noi".

LIGA 2017-2018 - TUTTI I VIDEO

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

Papu Gomez: "Ci riproveremo l'anno prossimo"

Atalanta, finisce il sogno: col Borussia è 1-1

Borini gol, Milan no problem: 1-0 al Ludogorets

Mirabelli: "Gattuso? Mai stato un traghettatore"

Immobile: "Crisi finita. I gol? Sono per mamma"

Immobile trascina Lazio agli ottavi: Steaua ko 5-1

Napoli, che peccato: non basta il 2-0 a Lipsia

Inzaghi: "No Atletico e Arsenal, Ciro grandissimo"

Sarri applaude i suoi: "La squadra ha un'anima"

Scontri e cariche a Bilbao: muore un poliziotto

Milano, altro ko: il Fenerbahce vince 89-70

I PIU' VISTI DI OGGI
I PIU' VISTI DI OGGI