28 ottobre 2016

#SkyMisterCondò e il Conte della nostra estate

print-icon

Dalla lunga storia con la Juve al Chelsea, passando per un Europeo d'orgoglio con la Nazionale. L'allenatore dei Blues si racconta di fronte a Paolo Condò, che ci svela i retroscena dell'intervista. Appuntamento su Sky Sport 1 HD da sabato 29 ottobre a mezzanotte

La seconda stagione di MisterCondò si apre con Antonio Conte perché è l'uomo che ha infiammato la nostra estate. Certo, la sua storia calcistica ha radici molto più profonde di un solo torneo alla guida dell'Italia, per quanto importante, e nel corso della chiacchierata lo spazio alle imprese firmate con la Juventus prima da semplice giocatore, poi da capitano e infine da allenatore è preponderante. Però quello che gli è riuscito sulla panchina dell'Italia, il recupero di una generazione di giocatori che sembrava perduta, e di un orgoglio collettivo che ci ha bruciato d'entusiasmo nei lunghi giorni dell'Europeo francese, è un messaggio destinato a durare: non c'è niente di già scritto, niente che non si possa riscrivere. Conte si è commosso, ricordando quelle passioni, ed erano ore difficili per lui, l'intervista è stata registrata qualche giorno dopo le sconfitte con Liverpool e Arsenal che avevano fatto sorgere alcuni dubbi sul suo futuro al Chelsea.

Mentre lo aspettavo a Cobham, il centro sportivo del club, dal portone della sede è uscito Roman Abramovich, reduce da un colloquio col suo manager italiano. Era sorridente, visibilmente rilassato. Nelle settimane successive si è capito perché, soprattutto contro lo United di Mourinho.

PREMIER LEAGUE - I GOL

Tutti i siti Sky