30 dicembre 2016

Chelsea, infortunio in allenamento per... Conte

print-icon

Un Chelsea a tutto... Conte. L'allenatore italiano prima si fa male in allenamento, poi parla nella conferenza stampa pre Stoke City: "Dodici vittorie di fila? Un grande risultato, ma non bastano"

Preoccupazione in casa Chelsea perché si ferma per infortunio... Antonio Conte. Possibile? Possibilissimo. A dimostrazione del fatto di come l'allenatore dei blues non si voglia risparmiare praticamente mai, nemmeno quando il clima dovrebbe essere un po' più sereno e tranquillo, nemmeno al Chelsea Training Ground di Cobham. E nell'ultima seduta, Conte si è dovuto fermare per un problema muscolare al polpaccio rimediato proprio durante un test svolto insieme al resto dei suoi ragazzi. Nulla di così grave, ma il segnale che Conte vuole dare all'ambiente è forte, come la scossa che ha dato a una squadra ora primissima in classifica a più sei sull'Arsenal. 

Conferenza pre Stoke City - Così l'allenatore del Chelsea in vista della 19.a giornata di campionato: "E' ancora presto per dire se siamo i favoriti. La strada e' ancora lunga e certo 12 vittorie di fila sono un grande risultato, ma a questo punto della stagione vogliono dire poco. A inizio stagione, assolutamente nessuno dava qualche chance alla squadra. Ora le cose sono diverse, ma proprio quando ci sono questi repentini cambiamenti bisogna cominciare a preoccuparsi". Sul mercato. Oscar? "La cessione di Oscar ci consente di spendere. Con il club abbiamo individuato i giocatori opportuni, vedremo cosa succedera. A gennaio sara' molto difficile comprare perche' tutti i migliori team cercheranno di tenere i giocatori migliori, non di venderli. Prenderemo le decisioni migliori per il club ma la finestra di gennaio non è semplice". 

Da Courtois a Musonda - "E' uno dei migliori, se non il miglior portiere al mondo. Si allena duramente e restera' con noi. E' completo, fantastico, un portiere modello". Su Kenedy e Musonda, quest'ultimo obiettivo della Roma: "Sono tornati dai loro prestiti perche' non hanno giocato molto. E' importante che rimangano con noi in queste prossime settimane per valutare cio' che e' meglio per loro e per la squadra".

 

PREMIER LEAGUE - I GOL

Tutti i siti Sky