22 ottobre 2017

Kane trascina il Tottenham: Liverpool battuto 4-1. Gol e highlights

print-icon
Harry Kane (Getty)

Harry Kane (Getty)

La squadra di Pochettino supera i Reds a Wembley grazie a una prestazione straripante del suo attaccante che sblocca la partita dopo 4 minuti e poi serve l'assist per il raddoppio di Son. Salah prova ad accorciare le distanze, ma prima Alli e poi ancora Kane chiudono la gara. Gli Spurs agganciano lo United al 2° posto

CLICCA QUI PER RIVIVERE LA PARTITA

RISULTATI, GOL E HIGHLIGHTS DELLA  9^ GIORNATA - CLASSIFICA

ARSENAL A VALANGA SULL'EVERTON: TOFFEES TRAVOLTI 5-2

TOTTENHAM-LIVERPOOL 4-1

4' , 56' Kane (T), 12' Son (T), 24' Salah (L), 45'+2 Alli (T)

Prova di forza mostruosa del Tottenham e del suo “uragano” Harry Kane che si abbatte senza pietà sul Liverpool. L'attaccante inglese trascina gli Spurs alla vittoria per 4-1 sui Reds con una prestazione straripante sotto gli occhi di Diego Armando Maradona. Il numero 10 mette subito in discesa la partita per la sua squadra segnando dopo appena 4 minuti il suo primo gol stagionale in casa in questa Premier League e poi servendo l’assist per il raddoppio di Son al 12’. Un uno-due terribile degli uomini di Pochettino che taglia le gambe al Liverpool: la squadra di Klopp prova a reagire nel corso del primo tempo e accorcia le distanze con Salah, ma quando sembra poter prendere corpo la rimonta Alli chiude il match con una splendida volè di destro sull’ultima azione del primo tempo. Nella ripresa i Reds rientrano in campo determinati a rimettere in piedi il match, ma è ancora Kane dopo appena dieci minuti dall’inizio del secondo tempo a punire il Liverpool. Salah e compagni non si danno per vinti nonostante lo svantaggio e impensieriscono Lloris con un paio di conclusioni su cui si fa trovare sempre pronto il portiere francese. Nel finale il risultato non cambia, finisce 4-1 per il Tottenham che con questa vittoria aggancia lo United al secondo posto in classifica e lancia un messaggio chiaro a tutta la Premier League: la corsa al titolo non sarà solo una questione a due tra le squadre di Manchester.

Primo tempo, Kane incontenibile: assist e gol nei primi 12’ minuti e il Tottenham la mette in discesa

Non aveva mia segnato in casa in Premier in questa stagione Harry Kane, ma contro il Liverpool gli bastano 4 minuti per sbloccarsi a Wembley: Trippier lo va a cercare con una palla in profondità che scavalca Lovren, l’attaccante degli Spurs si invola verso la porta, rientra sul sinistro, salta Mignolet e deposita in fondo al sacco. Prima rete in casa in questo campionato per l’attaccante di Pochettino dopo le 6 realizzate in trasferta. Gli Spurs sono padroni del campo e danno subito l’impressione di voler approfittare dell’inizio favorevole per chiudere la partita. Il raddoppio è nell’aria e arriva al 11’: Kane questa volta si traveste da uomo assist pescando tutto solo dentro l’area Son che chiude un contropiede mortifero e fa 2-0 per gli Spurs. Il Liverpool incassa un uno-due micidiale in appena 8 minuti e rischia di subire anche il terzo gol nel primo quarto d’ora di gara. E’ ancora Son a rendersi pericoloso: il sudcoreano viene servito con i tempi giusti dalla palla filtrante di Eriksen, controlla in corsa e fa partire un destro violentissimo da posizione defilata che s’infrange sulla parte interna della traversa. I Reds si scuotono e reagiscono al 24’: Kane stavolta si fa strappare la palla a centrocampo, consentendo a Henderson di servire con un lancio millimetrico Salah che brucia in velocità Vertonghen e Aurier e col un diagonale batte Lloris. La palla sbatte prima sulla parte interna del palo e poi finisce in rete: l’egiziano riapre così la partita dopo 20’ di grande sofferenza. Il gol del pareggio non spaventa il Tottenham che risponde subito ancora con Son, ma il suo tentativo di punta a tu per tu con Mignolet viene murato dal portiere belga. Klopp intanto è costretto ad operare il primo cambio al 31’: esce un disastroso Lovren e al suo posto entra Oxlande-Chamberlain. Il neoentrato prova a dare più imprevedibilità alla manovra offensiva della sua squadra che spaventa ancora il Tottenham sul solito asse Coutinho-Salah: l’egiziano semina Auriere sulla sinistra, arriva sul fondo, ma sul suo cross è attento Lloris che interviene in presa bassa. Il portiere francese si rende protagonista nel finale di primo tempo con un altro grande intervento in uscita ad anticipare di testa l’ex attaccante della Roma lanciato in campo aperto. Intanto Kane dall’altra parte è davvero un uragano: parte da centrocampo, resiste alla carica di Gomez, Can e Milner e poi conclude con un destro strozzato che finisce a lato. La squadra di Klopp sembra poter gettare le basi per il pareggio, ma sull’ultima azione dei primi 45 minuti Alli ricaccia indietro i Reds con la rete del 3-1. Il centrocampista degli Spurs trova la volè di destro sulla respinta corta di testa di Matip. Gli uomini di Pochettino vanno a riposo in vantaggio di 2 gol.

Secondo tempo: ancora Kane a spezzare ogni speranza di rimonta dei Reds

La ripresa si apre esattamente come il primo tempo, con Kane a punire il Liverpool alla prima occasione che gli viene concessa. Su un calcio di punizione battuto dal vertice dell’area di rigore da Trippier, Mignolet esce male rimettendo la palla sui piedi di Vertonghen. Il belga calcia da dentro l’area piccola ma trova il salvataggio sulla linea di Firmino che respinge sui piedi di Kane. L’attaccante degli Spurs non perdona e a porta vuota fa 4-1. Il Tottenham non sembra ancora pienamente soddisfatto e ci prova prima con un tiro dal limite di Eriksen che non trova il bersaglio grosso, e poi con un’azione personale del suo solito numero 10 che viene fermato sul più bello da Matip. Il Liverpool accusa il colpo, ma prova in qualche modo a reagire. La migliore occasione capita sui piedi di Coutinho che fa partire un gran sinistro dalla distanza su cui interviene con la mano di richiamo Lloris che spedisce la palla sulla traversa e nega la rete al brasiliano. Al 68’ c’è spazio anche per Sissoko che entra al posto di Son salutato dagli applausi di Wembley. I Reds vogliono chiudere a testa alta e cercano ancora il gol con una combinazione sulla destra tra Salah e Milner: il numero 7 del Liverpool però trova la respinta di piede del portiere degli Spurs sul primo palo. Nel finale il risultato non cambia: la squadra di Klopp continua a non vincere e precipita a 12 punti dalla vetta, il Tottenham s'impone 4-1 ed entra definitivamente tra le pretendenti al titolo. Le due di Manchester sono avvisate.

Statistiche e curiosità

  • Il Tottenham è riuscito a battere il Liverpool  per la prima volta negli ultimi 10 incontri giocati contro i Reds in Premier: gli Spurs avevano ottenuto 6 sconfitte e 3 pareggi incassando 22 gol
  • Kane ha segnato il suo primo gol in casa a Wembley in Premier League al 29° tiro
  • Dopo aver vinto le sue prime due partite contro il Liverpool nel marzo e nel settembre del 2013 sulla panchina del Southampton, Pochettino è riuscito a battere i Reds per la prima volta dopo 7 gare senza succeso contro i Reds in Premier (3P, 4S)
  • Il Tottenham ha mantenuto la porta inviolata in 4 delle ultime 6 partite in Premier League
  • Christian Eriksen ha segnato 3 gol nelle ultime 6 partite in campionato
  • Coutinho ha segnato 4 gol nelle ultime 6 partite con il Liverpool in tutte le competizioni: il brasiliano le ha realizzate tutte in trasferta

I PIU' VISTI DI OGGI