user
08 agosto 2018

Liverpool, Karius "non cammina da solo": Anfield perdona il tedesco e lo accoglie così. IL VIDEO

print-icon

Super accoglienza per Loris Karius di ritorno ad Anfield dopo le papere della finale di Kiev e un precampionato da incubo. Dentro al posto di Alisson nell'amichevole contro il Torino, tutti i tifosi dei Reds si sono alzati in piedi per applaudirlo

MANCHESTER UNITED-LEICESTER LIVE

ASENSIO SFOTTE DE GEA, LO CHIAMA "KARIUS"

Due errori che non si dimenticano, ma, come recita il motto del club: “Non camminerai mai solo”. You’ll never walk alone, Loris Karius. Nonostante Kiev. Nonostante Benzema e nonostante il 3-1 di Bale che ha spezzato le gambe a una squadra tornata grande nell’ultima Champions. In porta dal prossimo anno ci sarà Alisson, e dalle parti di Liverpool non hanno esitato a staccare un assegno ricco, ricchissimo, per avere finalmente stabilità in porta, perché, magari, col brasiliano Becker quella partita col Real sarebbe andata in modo completamente diverso. Eppure non c’è odio sugli spalti di Anfield, e nemmeno rancore. Nell’amichevole contro il Torino, la prima ad Anfield della nuova stagione, il portiere tedesco è entrato al minuto numero 73, e per lui tutto il pubblico si alzato in piedi. Standing ovation. Di affetto e con tanto calore. Lui ha ringraziato, prima in campo battendo le mani, e poi anche sui social: “Grazie Anfield per l’accoglienza”. Più l’emoji di un piccolo cuore rosso, come la maglia dei Reds.

When you walk through a storm

Le disavventure di Karius non erano però terminate con la finale di Champions League di Kiev. Al ritorno in campo per la nuova stagione e durante la preparazione estiva il tedesco ne aveva combinate altre, di papere, e sempre belle grosse. Prima, nel riscaldamento contro il piccolo Chester City, viene pizzicato perdersi il pallone tra le gambe. Poi, contro il Tranmere controlla male una punizione e permette la rete agli avversari. Dinamica simile nella ICC contro il Borussia dove fornisce un involontario assist per il 3-1 finale di Larsen. L’accoglienza di Anfield è stata però clamorosa, e calorosa. Semplice questione di filosofia. “When you walk through a storm / Hold your head up high / And don't be afraid of the dark”. Ovvero: “Quando cammini attraverso una tempesta / Mantieni la testa alta / E non avere paura del buio”.

Premier League, tutti i video

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi