25 ottobre 2008

Giampaolo: ''Beffa atroce, meritavamo la vittoria''

print-icon
gia

Il mister bianconero non digerisce l'azione che ha portato al rigore trasformato da Mascara: nell'occasione, oltre al pareggio è arrivato l'infortunio di Ficagna. Calaiò disperato: "Delusione enorme, il mio gol non conta più niente".

Ha fatto tutto il Siena, la partita e le reti, le cose belle e quelle inguardabili. L'1-1 che fa  compiere un altro passo avanti al Catania dei miracoli sembra  più figlio della stravaganza del caso che di un copione ordinato.
Guai a dirlo all'allenatore senese Marco Giampaolo, che non si  capacita del mancato successo: "E' dura digerire un risultato  così. Abbiamo fatto una partita perfetta, cercando sempre soluzioni offensive e non lesinando l'impegno fisico. La beffa  dell'azione della rete del Catania è stata davvero atroce". Il riferimento diretto è all'infortunio di Ficagna, per il quale la prima diagnosi è sospetta lesione muscolare. "Non voglio mancare di rispetto al Catania - dice Giampaolo - ma la mia squadra meritava la vittoria, mi ha persino sorpreso per intensità e pulizia di gioco. Più di così non possiamo fare,  peccato solo per il risultato".
Protagonista nel bene e nel male Emanuele Calaiò: "La mia delusione è enorme, faccio fatica a parlare. Volevo far girare la palla e perdere tempo, non ho visto Paolucci. Peccato perché  i tre punti erano importanti e il mio gol ora non conta più  niente".
Il calcio di rigore trasformato da Mascara interrompe al minuto 349 l'imbattibilità interna del portiere bianconero Curci che, ammonito nell'occasione, salterà per squalifica la trasferta di mercoledì sera sul campo del Milan.

Il meglio della Serie A

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky