27 ottobre 2008

Crisi Roma, squadra contestata: "Siete come pecore"

print-icon
spa

La delusione di Luciano Spalletti a Udine

I tifosi dopo aver perdonato i ko con Inter e Chelsea non giustificano la sconfitta rimediata a Udine. Striscioni, insulti e uova pronte fuori dai cancelli di Trigoria

Momento delicato - La crisi è acuta e la contestazione imperversa. Mai un inizio di stagione peggiore negli ultimi anni, la Roma così in basso in classifica è roba d'altri tempi, lontani, troppo. I timori per un'annata da vivere tutta in salita, la possibilità di restare fin troppo presto dal novero delle grandi sono le preoccupazioni di una tifoseria mostratasi paziente con Inter e Chelsea, decisamente infastidita dalla sconfitta del "Friuli" con l'Udinese. Dopo le prime schermaglie, domenica sera con l'arrivo della squadra a Trigoria, i malumori degli ultras si sono ripetuti in mattinata con il gruppo chiuso in ritiro nel centro sportivo “Fulvio Bernardini”. "Andate a lavorare" è il coro di rito dedicato ai giocatori, ritenuti colpevoli, più di Spalletti, dei mancati risultati e delle prestazioni poco confortanti della squadra.

Nessuno risparmiato - Insulti coloriti non sono mancati come chi ha indicato in un gregge di pecore, di passaggio, ciò che pensa della squadra, ponendo l'accento su una evidente difficoltà, da parte della Roma, di stare in campo in modo ordinato e, soprattutto, di sopperire con il carattere alle mancanze psico-fisiche. Concetto ribadito anche in uno striscione tra i più classici in queste circostanze: "Fuori le p..." è l'invito ricorrente a cominciare da mercoledì, nella gara contro la Sampdoria in cui ci sarà di fronte un certo Antonio Cassano, l'ex di turno col dente avvelenato

Il meglio della Serie A

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky