18 novembre 2008

Buffon, semplicemente il migliore

print-icon
buf

Gigi Buffon con la maglia della Nazionale

LA SCHEDA. Nasce in una famiglia di atleti il portierone della Juventus e della Nazionale. Da piccolo giocava come centrocampista e il Genoa era la sua squadra del cuore. In Serie A, ha esordito in Parma-Milan del 19 novembre 1995

Gianluigi Buffon è nato a Carrara il 28 gennaio 1978. La sua è una famiglia di sportivi: la madre Maria Stella Masocco è stata campionessa di lancio del peso e del disco, lo zio Dante Masocco ha giocato nella Serie A1 di basket, il padre Adriano è stato campione di lancio del peso e le sorelle Guendalina e Veronica sono state pallavoliste affermate. È lontano parente di Lorenzo Buffon, portiere di Milan, Inter, Fiorentina e della Nazionale.

GLI ESORDI
Tifoso sin da bambino del Genoa, inizia nella scuola calcio U.S.d.Canaletto Sepor, una società dilettantistica della Spezia. Passato nella categoria pulcini, torna a Carrara per giocare nel Perticata, altra formazione dilettantistica. Sia nella squadra ligure che in quella toscana ricopre il ruolo di centrocampista. A 12 anni passa al Bonascola, squadra della sua città natale, ed a 13 anni viene acquistato dal Parma. Nelle giovanili dei ducali, a 14 anni, è costretto a giocare in porta, vista la contemporanea assenza di etrambi i portieri infortunati e, dopo due sole settimane, conquista tra i pali il posto di titolare. Fa il suo esordio in Serie A nella partita Parma-Milan 0-0 del 19 novembre 1995 a soli 17 anni ed in Europa, in Coppa Uefa, contro il Vitória Guimarães (partita finita 2-0 per i portoghesi) il 24 settembre dell'anno seguente. Nella stagione successiva  1996/97) è già titolare della squadra emiliana, con la quale colleziona 27 presenze, e l'anno successivo esordisce in Nazionale. Negli anni in cui veste la maglia del Parma conquista il titolo di Campione d'Europa Under 21 nel 1996, una Coppa Uefa ed una Coppa Italia nel 1999.

LA JUVENTUS
Viene acquistato dalla Juve (insieme a Thuram), per il campionato 2001/02 per la cifra record di 105 miliardi di lire (75 in contanti più la cessione di Bachini). È  tutt'ora il giocatore più pagato nella storia della società bianconera. L'inizio non è semplice: non mancano le critiche, eppure riesce a riprendersi ed a disputare una buona stagione, coronata con la vittoria del suo primo Scudetto con un emozionante sorpasso all'Inter all'ultima giornata. Dopo aver saltato gli Europei 2000 per infortunio, partecipa come titolare al Mondiale 2002. L'avventura degli Azzurri però finisce male. Nel 2002/03 gioca una grandissima stagione che lo porta ad essere considerato il miglior portiere al Mondo per quell'anno. Col i bianconeri vince la Supercoppa Italiana ed un altro Scudetto, ma arriva a perdere la Champions League nella finalissima tutta italiana contro il Milan. Tutt'ora gli manca un grande successo internazionale con la Juve. In quello stesso anno, però, viene premiato come miglior giocatore della Champions. Nel 2003/04 vince un'altra Supercoppa Italiana, ma la stagione non sorride né a lui né alla Juventus, che esce presto dalla Champions e giunge terza in campionato. Buffon subisce oltre 50 reti nel corso della stagione, contando tutte le competizioni in cui è impegnata la formazione bianconera. Partecipa agli Europei, ma l'Italia esce al primo turno rimediando un'altra figuraccia. Nel 2004/05 c'è Capello sulla panchina della Juve. Gioca una grande stagione nonostante qualche indecisione che non compromette la volata verso il terzo scudetto della sua carriera, in seguito revocato per le vicende di Calciopoli, dopo un bel duello contro il Milan. In Champions trascina la squadra con le sue grandi parate, ma si arrende nei quarti di finale contro il Liverpool.

L'INFORTUNIO
Il 14 agosto 2005 si procura una lussazione alla spalla dopo uno scontro con Kaká durante l'amichevole Milan-Juventus per il Trofeo Berlusconi. La successiva operazione lo costringe a fermarsi per circa tre mesi, durante i quali viene sostituito da Christian Abbiati, dato in prestito dal Milan. Torna tra i pali della Juventus alla fine di novembre, in Coppa Italia contro la Fiorentina, ma la sua forma non è eccelsa e Capello preferisce tenerlo in panchina per consentirgli di recuperare meglio la condizione migliore. Ritorna definitivamente titolare a gennaio 2006, sempre in Coppa Italia, nella partita di ritorno contro i viola. Pur non disputando una stagione ad altissimi livelli, conquista il primo posto in classifica con i bianconeri, poi retrocessi in ultima posizione dalla Giustizia Sportiva in seguito a Calciopoli.

Nonostante le grandi prestazioni di queste stagioni non ha parato un calcio di rigore in partite ufficiali per più di tre anni, dal 26 ottobre 2003 al 1° dicembre 2006. Dopo le vicende di Calciopoli che hanno visto la Juventus retrocedere in Serie B, nonostante fosse cercato da società come Milan ed Inter, decide di continuare la sua avventura con la società torinese. Nella serie cadetta alterna alcune disattenzioni a grandi parate ed il 18 novembre contro l'Albinoleffe viene espulso per la prima volta in carriera. A fine stagione, dopo aver raggiunto la promozione in Serie A, rinnova il contratto fino al 2012. Durante la nuova stagione in Serie A, prima della partita contro il Genoa, viene eletto miglior portiere del mondo per il quarto anno ed in seguito inizia a soffrire di mal di schiena, causato da una ernia del disco, che lo costringe spesso al riposo lontano dal campo. Il 10 marzo 2008 rinnova il contratto che lo lega alla Juve fino al 2013, dichiarando di voler vincere tutto con la maglia bianconera.

IN NAZIONALE
Gioca in tutte le rappresentative giovanili italiane dall'Under-15 all'Under-23. Arriva in finale all'Europeo Under-19 del 1995 e vince l'Europeo Under-21 del 1996. Debutta in Nazionale maggiore a 19 anni, il 29 ottobre 1997 nella partita Russia-Italia (1-1), andata dello spareggio di qualificazione ai Mondiali 1998. Dopo il Mondiale '98, per il quale viene convocato come terzo portiere e diventa poi secondo per l'infortunio di Peruzzi, diventa a 20 anni il portiere titolare della squadra azzurra, anche se un infortunio lo costringe a saltare gli Europei del 2000. Ai Mondiali del 2006 in Germania subisce solo due reti, la prima è un autogol del compagno di squadra Zaccardo, durante l'incontro con gli Stati Uniti, e l'altra è il calcio di rigore realizzato da Zinédine Zidane nella finale contro la Francia. Fino a quel momento ha mantenuto la porta italiana inviolata per ben 458 minuti, avvicinandosi al record detenuto da Walter Zenga di 518 minuti, raggiunto nel 1990. Il 9 luglio 2006, a 28 anni, si aggiudica con la Nazionale italiana la Coppa del Mondobattendo la Francia ai rigori nella finale svolta all'Olympiastadion di Berlino. Durante la finale è da ricordare la decisiva parata effettuata nei tempi supplementari su colpo di testa di Zidane. Con le sue parate, Buffon è stato uno dei maggiori artefici della vittoria del Campionato del Mondo, ed è stato premiato come miglior portiere del Mondiale (Premio Yashin). Agli Europei del 2008, indossa la fascia di capitano nella gara d'esordio contro l'Olanda e salva l'Italia dall'eliminazione parando un calcio di rigore ad Adrian Mutu nella seconda gara del girone eliminatorio e mantenendo inviolata la porta azzurra con grandi parate nella decisiva vittoria contro la Francia e nella gara contro la Spagna decisa ai calci di rigore, durante i quali neutralizza, inutilmente ai fini del risultato, il tiro di Guiza.

ASSO PIGLIATUTTO
Campione del mondo nel 2006, nello stesso anno è stato premiato dalla FIFA come miglior portiere dei Mondiali e si è arrivato secondo nella classifica del Pallone d'Oro, dopo il connazionale Fabio Cannavaro. La UEFA lo ha premiato con il titolo di miglior portiere e, unico caso tra i giocatori del suo ruolo, miglior giocatore dell'edizione 2002/03 della Champions League. Nel 2007, per la quarta volta dopo il 2003, 2004 e 2006, è considerato il miglior estremo difensore in attività dall'IFFHS, organismo che si occupa delle statistiche riguardanti la storia del calcio, che gli ha assegnato nuovamente il premio di "Portiere dell'anno". Buffon riesce a tenre lontano i riflettori dalla propria vita privata. Ma non può certo passare inosservata la relazione con la modella e attrice ceca Alena Seredova. Sono diventati genitori di Louis Thomas il 28 dicembre 2007.

Il meglio della Serie A

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Tutti i siti Sky