15 novembre 2008

Spalletti bandisce il pari e Rossi sceglie il silenzio

print-icon
spa

Luciano Spalletti nasconde la tensione per il derby dietro a un sorriso che è tutto un programma

Si accende l'atmosfera a Roma in vista del derby di domenica sera. Il tecnico giallorosso non ha problemi ad ammettere: ''Abbiamo bisogno della vittoria". Brocchi in conferenza stampa: "Rispettiamo la Roma ma vogliamo diventare grandi''

Senza scelta. La classifica è quella che è, cioè bruttissima (quartultimo posto e terza peggiore difesa del campionato), e la tifoseria e' pronta ad esplodere se non vedrà una vera inversione di marcia della squadra. Gli effetti benefici della netta vittoria sul Chelsea sono stati ridimensionati dal pareggio di Bologna, cosi' la Roma e' di nuovo con l'acqua alla gola e nelle condizioni di non potere fare calcoli. Per questo Luciano Spalletti non ha problemi ad ammettere: "Abbiamo assolutamente bisogno di questo risultato". Cioè di vincere il derby. Che per Spalletti coinciderebbe con la 100esia vittoria sulla panchina della Roma: "E' un numero importante e quindi serve da stimolo pure a me, anche se spero che gli stimoli giusti li abbiano i miei calciatori". Stimoli giusti ma senza esagerare: "In queste situazioni a volte c'è il rischio che ad essere troppo carichi si possano portare dentro nervosismi e quindi rischi di non esprimere tutte le potenzialità. Nonostante il momento che attraversiamo dobbiamo essere noi stessi. Arriviamo al derby come ci è arrivata la Lazio in questi ultimi anni e questa gara può aprire scenari totalmente diversi rispetto all'inizio del campionato". Bandito il pareggio, almeno per ora: "Non lo accetto a prescindere. Questa è la partita che io vorrei sempre giocare, per le emozioni che si trasportano dentro queste gare, il confronto, la 'ferocia'. Il mio approccio al derby è più di foga di quello di Totti e De Rossi, più voglioso della loro voglia".

Spalletti alla fine potrebbe recuperare tutti, tranne il solo Aquilani: "Totti l'ho visto in condizione ottimale. Taddei già stava molto meglio venerdì nel tardo pomeriggio, mi ha detto di avere sensazioni positive. Abbiamo recuperato Tonetto e Cassetti, ma anche De Rossi può andare in campo senza rischi". Bisognerà stare attenti al tridente biancoceleste: "Hanno giocatori che occuperanno il settore offensivo in maniera massiccia, al di là di chi impiegherà Rossi. Non e' stato previsto alcun premio extra - conclude - Queste cose vanno al di là dei soldi e dei contratti".

"Affronteremo il derby con un ottimo spirito. Scenderemo in campo per cercare di continuare il nostro buon momento e per rimanere nell'alta classifica. Entreremo in campo con la stessa grinta e con la stessa voglia di vincere della Roma". Queste le parole di Cristian Brocchi alla vigilia della stracittadina. Il centrocampista biancoceleste, che ha preso il posto in conferenza stampa dell'allenatore Delio Rossi (che preferisce non parlare prima dei derby), ha poi ammesso di sognare di essere l'uomo derby ("mi piacerebbe essere il giocatore decisivo") e si è poi soffermato sull'atmosfera del derby capitolino: "lo posso paragonare al primo euro-derby di Champions League contro l'Inter quando ancora vestivo la maglia del Milan. A Roma i tifosi sanno trasmetterti una voglia speciale per questa partita ma credo che la cosa più importante sia quella di scendere in campo con lo spirito giusto, la giusta serenità che ti fa capire che ogni pallone può essere quello decisivo". Per quanto riguarda la Roma, invece, Brocchi avverte: "Il loro valore non si discute, hanno grandi giocatori e vorranno sicuramente cercare di vincere per provare a risorgere. Ma noi stiamo lavorando per diventare grandi e puntiamo a restare in alto".

Il meglio della Serie A

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky