27 dicembre 2008

Matarrese: nel 2009 mi auguro che la Lega Calcio si riunisca

print-icon
ant

Antonio Matarrese, presidente della Lega Calcio

ESCLUSIVA SKY. "Spero di rivedere presto presidenti come Garrone, Zamparini perchè vorrei concludere questo progetto di grande rilancio del calcio italiano. Quando mi chiedono se voglio andare in Federazione rispondo che la Federazione siamo noi"

IN ESCLUSIVA AI MICROFONI DI SKY SPORT24 IL PRESIDENTE DELLA LEGA CALCIO ANTONIO MATARRESE

Nel
Febbraio 2008: Mancini si è auto-esonerato quasi in diretta televisiva. Se lo ricorda?
Mancini è un ottimo allenatore, però nel calcio c’è un momento nel quale si deve avere il coraggio, la dignità e l’orgoglio di dire “io mi tiro fuori per il momento”. Mancini ha fatto un passo indietro, io l’ho avuto in Nazionale con Sacchi, conosco il valore di Mancini, Sacchi mi diceva sempre “questo è un ragazzo che si farà”. E infatti Mancini si è fatto, ma la sua storia è ancora da scrivere, già quello che ha scritto fino adesso è da applausi, ma lui continuerà a far parlare di sé, perché è un patrimonio del calcio italiano e di questo diamo atto anche al Presidente Moratti che ha sempre avuto affetto e stima verso Mancini.

Se dovesse rubare il posto a qualche suo collega o Presidente, quale squadra sceglierebbe?
È una cosa che non farei mai più. Mai dire mai, ma fare il Presidente di una società di calcio è, certe volte, essere prigioniero, perché il calcio è fatto più di tormenti, di dolori, le gioie sono poche, non si può vincere sempre. Però, per i Presidenti essere gestori di un fatto calcistico che tocca la città credo sia la più grande soddisfazione. Ogni tanto c’è qualcuno che dice “io lascio”, però, tranne per motivi pesantemente economici, una volta che si entra nel calcio è come strappare una creatura dalla propria famiglia. E i Presidenti rimangono. Nello scorso Campionato ci sono stati tanti colpi di scena.

La Roma mi ha sorpreso molto. Devo dare atto che, a parte le solite squadre che sono titolate a vincere, come l’Inter, il Milan e la Juventus, che ha fatto cose egregie, la Fiorentina è una realtà curiosa, perché i fratelli Della Valle, che io ringrazio sempre perché, pur non partecipando al lavoro di Lega, mandano un loro rappresentante, guardano al calcio ancora con curiosità e riescono a portare vantaggi: avere i Della Valle nel calcio italiano è un fatto positivo per tutti, come tanti altri imprenditori. È una squadra che non so ancora dove può arrivare, perché è sorprendente, mi incuriosisce. Mentre, un’amarezza che porto dentro è quando vedo che in alcune società, in alcuni stadi, si riscontrano momenti di conflitti tra i partecipanti alla gara che non qualificano il nostro mondo. Ho seguito con preoccupazione la partita Catania-Roma e devo dire che devo aiutare il Presidente del Catania Pulvirenti a ritrovare quella serenità che è giusto che abbia una società e una città come Catania, perché leggere che ci sono stati degli scontri verbali e forse anche non verbali non è una cosa che ci aiuta. Catania ha vissuto un momento di grande tormento, lo conosciamo tutti, e io ci tengo a sanare questa parte che non brilla.

Un augurio per il 2009.
L’augurio che mi faccio è quello di rivedere il Presidente Garrone in Lega, di rivedere Zamparini, ci sono dei Presidenti che vorrei tornassero in Lega, perché vorrei concludere questo progetto di grande rilancio. Quando mi chiedono se voglio andare in Federazione, rispondo che la Federazione è qui, siamo noi la Federazione.

Il meglio della Serie A

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky