Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
14 febbraio 2009

Maicon non molla. Mourinho: preferisco lo Scudetto al derby

print-icon
mai

Maiucon vuole esserci a tutti i costi contro il Milan

Il brasiliano nonostante il problema muscolare alla coscia destra è stato convocato. Il portoghese infuoca la vigilia: "Questa partita non fa la storia. Se perdiamo ma poi chiudiamo il campionato davanti a Milan e Juventus, allora va benissimo"

INTERVIENI NEL FORUM

Maicon si allena. In casa Inter si tenta un recupero che avrebbe del miracoloso. Il brasiliano, alle prese con il problema muscolare alla coscia destra accusato ieri, non vorrebbe assolutamente saltare il derby con il Milan e ha iniziato l'allenamento di rifinitura con il resto del gruppo per vedere se avverte dolore e quanto. Mourinho, comunque, deciderà solo all'ultimo su un suo possibile utilizzo. Il tecnico portoghese potrebbe anche convocarlo e portarsi il dubbio almeno fino a domenica pomeriggio.

José Mourinho non è uomo da mezze misure, lo si è capito, e così oggi, anticipando che in vista del derby Inter-Milan di domani non firma "per il pareggio", ha spiazzato subito tutti. "Volete la formazione? Vi do uomini e modulo, poi però la conferenza stampa finisce qui", ha detto ai giornalisti presenti questa mattina nella sala stampa di Appiano Gentile. La votazione democratica ha visto prevalere il partito del no, quindi Mourinho ha potuto parlare del derby di domani e della ventiquattresima giornata del campionato di Serie A. Con una sconfitta nel derby d'andata da riscattare. "Dovremo segnare quando ci sarà l'opportunità, perché in partite così equilibrate non è facile avere tante palle gol, e allora la percentuale di efficacia deve essere molto alta", ha detto Mourinho.

"E poi una squadra che difende molto bene la nostra noi non può prendere un gol come all'andata in transizione, con Ronaldinho solo contro cinque difensori. Questa è una partita che esige grandissima concentrazione difensiva in tutti i dettagli, perché la differenza di solito è minima". Non dice di firmare per il pareggio, Mourinho, ma... per la sconfitta: "A me non interessa il derby, a me interessa vincere il campionato. Quindi se domani perdiamo ma poi chiudiamo il campionato davanti a Milan e Juventus, allora va benissimo. Una vittoria o una sconfitta nel derby non fa la storia, si cancella a fine stagione. Fai la storia se vinci il campionato".

Ecco il derby. Josè Mourinho contro Carlo Ancelotti. "Non rispondo a quanto ha detto Ancelotti in una recente intervista - ha sbottato il tecnico dell'Inter - Ognuno come allenatore fa quello che vuole. Io non critico il suo modo di lavorare, lui può dire quello che vuole del mio. Io non perdo tempo a pensare alle sue caratteristiche come tecnico, se lui vuole farlo con me è un problema suo". "Rispetto la sua carriera - ha aggiunto - ma lui è lui e io sono io. Lui forse è meglio di me in qualcosa e io forse sono meglio di lui in altro. Entrambi comunque siamo due allenatori importanti. Per il resto non so perchè negli ultimi anni l'Inter ha vinto di più in Italia e il Milan in Europa. Io penso, lo ripeto, che solo la migliore squadra vince il campionato, mentre non sempre è la migliore quella che vince la Champions League. Comunque, chi vince la Champions è sicuramente una grande squadra". Poi sulle parole di Adriano Galliani. "Nessun commento. Ho detto una verità sul Milan e basta. Mi piace - ha concluso Mourinho - mi piacciono molti giocatori rossoneri, ma il Milan è a -8". Punto.