Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
26 aprile 2009

Mazzarri: potevamo chiudere la gara, ma siamo stati ingenui

print-icon
cas

Tra Samp e Cagliari finisce 3-3 nella 33a giornata di Serie A

L'allenatore della Samp è deluso dal pareggio interno contro il Cagliari: "Sul 2-0 abbiamo dato all'avversario la possibilità di rimontare peccando di determinazione. Marilungo? Giovane molto interessante". E domenica c'è il derby

COMMENTA NEL FORUM DELLA SAMP

Siamo stati un po' ingenui. Con il 2-0 a nostro favore siamo rientrati in campo e abbiamo dato possibilità al Cagliari di accorciare le distanze. Tanti ragazzi pagavano lo sforzo di giovedì sera in coppa Italia, sono stati bravi tutti ma qualche con ingenuità di troppo che di solito non facciamo". Walter Mazzarri analizza così il pareggio interno della squadra blucerchiata contro il Cagliari.

La Samp ha acciuffato nei minuti finali il 3-3 grazie al gol di Cassano. "Dopo le fatiche in coppa Italia, ho fatto giocare chi ha era sceso in campo meno e hanno fatto una grande partita, un bel calcio. Dispiace da allenatore, perché abbiamo regalato la possibilità al Cagliari di rimontare il 2-0. Abbiamo peccato di ingenuità. Potevamo chiudere la gara, non siamo stati determinati a portare a casa il risultato per come ci stavamo esprimendo".

Mazzarri commenta la prova del giovane attaccante Marilungo, autore di una splendida doppietta. "E' bravo, un ragazzo che già da un po' lavora bene con noi, sta crescendo. Ha già giocato in Uefa e ha fatto bene. Gli ho dato fiducia e l'ha ripagata ampiamente. Un ragazzo maturo, gli elogi che gli faranno da ora in poi non lo cambieranno. Siamo stati ingenui a non portare a casa una vittoria che avevamo già in tasca". La Sampdoria, finalista di coppa Italia con la Lazio, adesso si concentra sul prossimo impegno in campionato. Domenica prossima, nel posticipo serale, i blucerchiati saranno opposti al Genoa nel classico Derby della Lanterna. "E' una gara a parte, quella che sembra oggi la squadra che sta meglio magari sente l'emozione, i giocatori lo vivono in modo particolare. In queste gara c'è sempre il 50 per cento di possibilità di far bene", chiude Mazzarri.