Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
04 giugno 2009

Santon: "Spero di diventare il Maldini dell'Inter"

print-icon
san

Santon durante un allenamento con la Nazionale

Il terzino nerazzurro, fresco di convocazione in Nazionale, parla della sua annata: "Ringrazio Mourinho che mi ha fatto giocare molto, la maglia azzurra è anche merito suo. Vorrei essere come Bergomi o Maldini, mi basterebbe vincere la metà di Paolo"

COMMENTA NEL FORUM DEGLI AZZURRI

"Spero di diventare il Maldini dell'Inter. Lui è stato un esempio e lo sarà sempre. Sarei contento di fare la metà di quello che Paolo ha fatto nel calcio". Lo ha detto il difensore dell'Inter, Davide Santon, una delle novità che il commissario tecnico Marcello Lippi ha voluto per la sua nazionale. Il diciottenne difensore ha fatto anche un altro paragone con un "grande" del calcio azzurro, l'ex interista Giuseppe Bergomi che, nel 1982, a 19 anni, riuscì a vincere il Mondiale in Spagna. Santon spera di poter ripercorrere la storia di Bergomi. "Mi piacerebbe poter diventare il Bergomi senza baffi (nell'82, a 19 anni, Bergomi si presentò in raduno con vistosissimi baffi).

Spero di poter avere questa opportunità, ma molto dipenderà da quello che riuscirò a fare nella prossima stagione". Lippi gli ha già fatto capire che se riuscirà a confermare quanto di buono fatto in questa stagione potrebbe far parte della spedizione che giocherà il Mondiale in Sudafrica nel 2010. Il giovane difensore dell'Inter ha avuto parole di elogio anche per il compagno di squadra Mario Balotelli, ma gli ha anche riservato una critica. "Mario poteva stare in questa nazionale se non avesse avuto certi atteggiamenti che possono avere infastidito tifosi ed avversari". Infine da Santon è arrivato un pensiero per il suo tecnico Mourinho. "Se ho giocato molto ed ho accumulato presenze in serie A e in Champions è per merito suo, con un altro allenatore italiano forse non mi sarebbe stato possibile".