Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
11 novembre 2009

Moratti: "Sorpreso dal Milan, ma per ora non ci fa paura"

print-icon
mas

Il presidente dell'Inter Massimo Moratti

Il presidente dell'Inter ha parlato delle principali rivali dei nerazzurri nella corsa Scudetto: "Ho visto un Milan vivace: spero che in classifica resti lì, quanto serve per non far paura. La Juve? Giusto che si senta alla pari". GUARDA I GOL DELL'INTER

GUARDA GLI HIGHLIGHTS DELLA SERIE A 

GUARDA I GOL DI INTER-ROMA

COMMENTA NEL FORUM DELL'INTER


Sorpreso dall'entusiasmo che c'è in casa Milan per la recente rimonta, considerato anche che un paio di mesi fa il distacco con l'Inter era considerevole... E' questo il pensiero del presidente dell'Inter Massimo Moratti, che ha parlato a margine della presentazione del libro scritto da Mario Sconcerti, "Storia delle idee del calcio". "Mi ha sorpreso la squadra - ha detto Moratti - Il Milan l'ho visto, è vivace come gioco e immagino faccia piacere ai tifosi rossoneri, ma soprattutto alla società e sono contento per l'allenatore. Poi, resta comunque l'antagonismo e quindi spero di continuare a rimanere alla giusta distanza in classifica da loro, quanto serve perché non faccia paura, ma è normale siano euforici".

Il presidente della Juventus, Jean Claude Blanc, ha dichiarato che l'Inter non ha niente in più della Juventus, a parte i punti in classifica... "Quando si entra in campo si cerca, con la volontà e la qualità dei propri uomini, di sentirsi alla pari degli avversari e Blanc sta facendo la stessa cosa. Mi sembra giusto dica così, poi vedremo cosa accadrà alla fine del campionato". Il presidente del CONI, Gianni Petrucci, ha detto che il suo tifo è rivolto prevalentemente verso quelle squadre che hanno più giocatori italiani in rosa. "L'Inter ne ha tre o quattro. Qualcuno ce n'è e Petrucci tifa anche un po' per noi...spero (sorride, ndr)".

Oggi, il procuratore di Davide Santon ha dichiarato che il suo assistito rimarrà all'Inter, ma lo stesso calciatore potrebbe chiedere più spazio. "Santon non lo ha fatto e non lo fa, soprattutto perché è un ragazzo intelligente e sa che il suo rapporto è con l'allenatore, che non lo sta scartando per una mancanza di stima, ma lo sta soltando allevando adagio adagio per fare in modo che poi possa dare il meglio di sé. Mourinho fa la stessa cosa con Balotelli, perché quello che noi consideriamo come polemiche, in realtà è qualcosa per convincere il ragazzo a dare il massimo perché a questa età deve far così". Infine Moratti commenta le parole del c.t. Marcello Lippi che ha preso le difese di Balotelli e dei giovani calciatori. "Ha detto qualcosa di diverso da tutti gli altri sotto il profilo dei 'bamboccioni' e questo non mi è dispiaciuto anche per uscire fuori dal coro. Le critiche di Mourinho a Balotelli? Credo che lo aiutino a crescere".

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT