Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
12 dicembre 2009

Lippi: "Balotelli in azzurro? Parlerò al momento giusto"

print-icon
ita

Marcello Lippi è alle prese con la scelta dei 23 azzurri, chi siederà accanto a lui in Sudafrica? (Foto AP)

Il ct ha dribblato le domande sull'opportunità di portare in Sudafrica il talento dell'Inter. Sul campionato: "La Juve saprà riprendersi". Un commento su Spalletti allo Zenit: "Tornerà più bravo e completo". GLI HIGHLIGHTS DELLA SERIE A SU SKY.it

GUARDA GLI HIGHLIGHTS DELLA SERIE A 

GUARDA LE PROBABILI FORMAZIONI

"Sarò io che parlerò al momento giusto, e non è questo". Cosi' il ct della nazionale italiana Marcello Lippi ha riposto ai giornalisti che gli hanno chiesto se Balotelli sarà convocato o meno in nazionale in vista dei mondiali in Sudafrica. Anche riguardo a Cassano, Lippi ha detto: "Voi potete parlare di quello che volete ma sono io che poi parlerò al momento giusto di quello che voglio".

Il ct parla del campionato focalizzando la sua attenzione sulla Juve che cerca il riscatto dopo la debacle di Champions League: "La Juve ha tutto quello che le serve per riprendere il suo cammino, nella società, nello staff tecnico e nel parco giocatori - ha spiegato - Gioca stasera vediamo cosa farà. Certo, non viene da un periodo felicissimo. Ma Ferrara non ha bisogno di consigli".

Lippi ha commentato anche l'addio al calcio italiano dell'ex tecnico della Roma Luciano Spalletti da venerdì sulla panchina dei russi dello Zenit San Pietroburgo. "Se gli allenatori italiani migliori vanno via vuol dire che torneranno più bravi e completi - ha precisato - Viviamo nell'era della globalizzazione. Prendiamo il caso del calcio inglese, i club sono di proprietà russa, araba, americana; gli allenatori sono spagnoli, italiani, portoghesi; in Premier league giocano calciatori di tutto il mondo. E' così. Gli allenatori italiani sono molto preparati e sopratutto sono abituati a qualsiasi tipo di pressione come meglio non si potrebbe. Ma, come i calciatori che arrivano in Italia e dall'Italia vanno all'estero l'andazzo è questo. Sono esperienze e culture che si mescolano".

Lippi poi ha tracciato un bilancio tecnico dopo la fase a gironi di Champions League: "Non c'è niente di nuovo - ha detto il ct della nazionale - ho notato però una migliore capacità di organizzazione con combinazioni di moduli diversi anche tra squadre delle stesse nazioni. Questo dipende molto da quella mescolanza a cui ho fatto riferimento. Nelle nazionali però si cerca di mantenere la filosofia di appartenenza di ciascuna". Alla domanda se gli piacerebbe allenare all'estero, Lippi ha risposto con un secco no. Infine il tecnico viareggino ha detto che la squadra che finora gli è piaciuta di più è stata il Barcellona.

COMMENTA NEI FORUM


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT