Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
22 dicembre 2009

Seedorf sale in cattedra: ora scrive sul "New York Times"

print-icon
see

Il giocatore del Milan Clarence Seedorf qui a Sky per girare i promo della Casa dello Sport

Il centrocampista del Milan si scopre anche giornalista: ora scrive editoriali e risponde alle domande dei lettori del giornale più letto del mondo. Nella sua rubrica mensile si parla di moviola in campo, fair play e dei prossimi Mondiali in Sudafrica

GUARDA TUTTI I GOL DELLA SERIE A

COMMENTA NEI FORUM DEL MILAN

di Luca Tommasini

Che Seedorf non fosse un semplice numero 10, ma un'azienda travestita da calciatore, era noto. Adesso però si comincia a perdere il conto delle sue attività al di fuori di Milanello. L'ultima scoperta arriva addirittura dagli Stati Uniti. Seedorf è diventato anche un'editorialista del New York Times. Dal club più titolato al mondo al quotidiano più letto al mondo il passo per Clarence è breve. Anche perché nella sua rubrica mensile si parla di calcio a 360 gradi. Dieci sono le domande a cui risponde l'olandese, accuratamente selezionate tra centinaia di curiosità dei lettori. Proviamo a curiosare nella rubrica di dicembre. Si parla di moviola in campo ("L'unica soluzione - sostiene Seedorf - per evitare episodi come il gol di Henry in Irlanda-Francia") e di fair play, con una considerazione anche sulla rissa di Torino tra Juventus e Inter, che l'olandese definisce "una mancanza di rispetto nei confronti del gioco".

Si dibatte anche sul futuro del calcio europeo: secondo Seedorf si arriverà alla creazione di grande liga tra tutti i più prestigiosi club (un progetto meglio noto come Eurolega). Prima però c'è il mondiale, che Seedorf vivrà da spettatore, anzi da editorialista. "Sulla carta - risponde a chi gli chiede un commento sui gruppi estratti in Sudafrica - il girone dell'Italia è semplice, ma attenzione al Paraguay, che può essere un avversario insidioso (come del resto ha appena ricordato Lippi)".  Insomma un Seedorf a tutto campo anche da editorialista. Un po' come nel Milan di Leonardo.