Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
09 gennaio 2010

"Africani d'Italia", Inter e Juve stanno tranquille

print-icon
eto

Eto'o, alla sua prima stagione con la maglia dell'Inter, è la stella del Camerun

La società nerazzurra non è preoccupata: Eto'o è in ritiro con il Camerun e non raggiungerà l'Angola prima di domani. Ferrara chiamerà il maliano Sissoko per avere notizie. L'Udinese vuole tutelare Asamoah. GUARDA LA FOTOGALLERY

AFRICANI D'ITALIA: LA FOTOGALLERY

Avrebbero dovuto essere più numerosi, ma alla fine saranno poco meno di una decina gli "africani d'Italia" impegnati nella Coppa d'Africa 2010 che scatterà domani in Angola. Sempre a meno di defezioni dell'ultima ora, specialmente dopo l'attentato subito dalla delegazione togolese.

Le stelle - A guidare la pattuglia è sicuramente il camerunense Samuel Eto'o, attaccante dell'Inter e miglior realizzatore della competizione continentale (16 gol). L'attaccante nerazzurro è di certo il giocatore più famoso dell'intera manifestazione assieme al bomber Didier Drogba. Mentre il ritiro della nazionale togolese priva la Coppa d'Africa di un'altra stella come Emmanuel Adebayor.

Gli altri "italiani" - L'elenco degli "italiani" prosegue con il centrocampista maliano Mohamed Sissoko della Juventus ed Emmanuel Badu, ghanese neo-acquisto dell'Udinese. Il ct del Ghana, Rajevac, ha preferito invece rinunciare all'interista Sulley Muntari, ma non al giovanissimo attaccante Domincic Adiyiah del Milan, già Scarpa d'Oro africana e capocannoniere del Mondiale Under 20 con 8 gol in 7 partite.
Mourad Meghni della Lazio e Abdel Kader Ghezzal del Siena guideranno l'assalto dell'Algeria, che ha già estromesso dalla fase finale della Coppa del mondo l'Egitto, detentore della Coppa d'Africa (la conquistò nel 2006, ospitando la manifestazione). Il Kenya si affiderà all'attaccante McDonald Mariga del Parma. Il Mali, oltre a Sissoko, punterà anche su Souleymane Diamoutene, che indossa la maglia del Bari. Il marocchino Houssine Kharja è invece rimasto a Genova, sponda rossoblù, per un infortunio a un ginocchio. Già nel 2006 aveva lasciato la propria nazionale, perché in rotta con l'allora ct Mohamed Fakher, poi era tornato sui propri passi. Non ce l'ha fatta neppure Salif Dianda, giocatore di proprietà del Verona, ma attualmente in forza alla Sangiovannese (Legapro), che non è stato convocato dal Burkina Faso.

Inter tranquilla per Eto'o - All'Inter non si registrano particolari preoccupazione per Samuel Eto'o, che in vista del torneo continentale si trova ancora in ritiro con il Camerun a Nairobi in Kenya. Secondo quanto fa sapere il club, l'attaccante nerazzurro con la sua nazionale dovrebbe lasciare Nairobi tra domani e dopodomani per raggiungere a bordo di un volo charter privato l' Angola, dove farà l'esordio in Coppa d'Africa mercoledì.

L'Udinese richiama Asamoah - L'Udinese ha chiesto il rientro di Kwadwo Asamoah dall'Angola. E' lo stesso club friulano ad annunciarlo con una nota sul proprio sito alla luce dell'attentato contro la nazionale del Togo. "In merito e in riferimento ai gravissimi fatti accaduti in Angola durante la manifestazione della Coppa d'Africa e a tutela primaria dell'incolumità fisica del nostro giocatore Kwadwo Asamoah - si legge - l'Udinese Calcio ha richiesto alla Federcalcio del Ghana ed alla Fifa il rientro immediato del nostro giocatore. Vi è da sottolineare inoltre che la situazione generale, già di per sè molto preoccupante, è resa ancor più pericolosa per la Nazionale ghanese giocando la stessa nel medesimo girone del Togo e conseguentemente nei luoghi dove è avvenuto il vile e gravissimo attacco agli atleti togolesi".

Ferrara chiamerà Sissoko - "Non ho ancora parlato con Sissoko. Mi metterò in contatto con lui nelle prossime ore, anche per avere aggiornamenti sulle sue condizioni fisiche visto che sta recuperando da un infortunio". L'allenatore della Juventus, Ciro Ferrara, ha risposto così, nella conferenza stampa, a chi gli chiedeva notizie sul centrocampista bianconero, reduce da un problema muscolare e ora impegnato con il Mali nella Coppa d'Africa.