18 giugno 2010

Agnelli, lettera ai tifosi: "Costruiremo una Juve vincente"

print-icon
agn

Andrea Agnelli svela gli obiettivi della Juventus in vista della prossima stagione

Il presidente della Vecchia Signora ha voluto ringraziare con un messaggio sul sito i supporters: "Non sto risparmiando energie, la società sta cambiando tanto, ci siamo affidati a Marotta e a Del Neri che sono due persone molto competenti"

COMMENTA NEL FORUM DELLA JUVENTUS

Una lettera aperta del neo presidente ai tifosi attraverso il sito della Juventus. Così Andrea Agnelli si presenta alla stagione agonistica, rivelando intenti e priorità. "La distanza dai rivali - esordisce Agnelli - che si è creata in questi anni, richiede un percorso complesso, è passato un mese da quando ho assunto la presidenza della Juventus. In tantissimi mi avete testimoniato incoraggiamento, fiducia e sostegno e ve ne sono veramente grato. Il calcio, soprattutto nel periodo estivo, è fatto di parole, di interviste, di emozioni fugaci e talvolta di illusioni. Io penso che ai sogni si debbano sempre accompagnare la realtà e la sincerità, quindi oggi scelgo di rivolgermi a voi attraverso il nostro sito per raccontarvi le priorità della Juventus per i prossimi mesi".

Prosegue il presidente bianconero: "La squadra, quella che appassiona tutti noi, è il fulcro della nostra attività e del nostro impegno. Ecco perchè l'acquisto più importante della Juventus 2010-2011 è senz'altro Giuseppe Marotta, uomo di calcio e grande conoscitore sia del mercato sia dei complessi meccanismi gestionali di una societè sportiva. Jean Claude Blanc ed io stiamo garantendo al nostro Direttore Generale tutto il sostegno necessario perché‚ possa arrivare a fine agosto con una compagine competitiva da mettere a disposizione del nostro nuovo allenatore, Gigi Del Neri. A lui spetterà il delicato compito di riportare cultura e disciplina sportiva nello spogliatoio, consapevoli che con professionalità e passione saremo in grado di costruire una squadra capace di vincere contro qualunque avversario".

Poi, il presidente passa ad analizzare l'aspetto societario, passando anche per gli eventuali riflessi di Calciopoli bis: "La società, che io considero l'altra squadra, sta vivendo un momento di cambiamento. Siamo tutti, dal primo all'ultimo, ognuno nel proprio ruolo e con le proprie competenze, al lavoro per garantire stabilità economica e competitività sportiva. Personalmente sto cercando di impegnarmi senza risparmiare energie su tutti i fronti. Sappiate inoltre che io, come tutti voi, sono in vigile attesa di conoscere le decisioni definitive della giustizia sportiva che dovrà dimostrare, di essere uguale per tutti in qualsiasi momento storico. Ecco perché farò sempre sentire la voce della Juventus in FIGC, in Lega Calcio e in ogni altra sede.