Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
10 aprile 2011

Aprile di fuego: Real e Barça pronti allo scontro finale

print-icon
mou

Tutto pronto per l'aprile di fuoco tra Barcellona e Real Madrid (Getty)

Sabato al Bernabeu il primo clasico di una lunga serie: in caso di passaggio in semifinale di Champions, sarebbero quattro le sfide tra le due squadre in meno di un mese, compresa la finale di Copa del Rey del 20

Tutte le statistiche della Liga

Battere il Barcellona al Bernabeu potrebbe non bastare per riaprire la Liga, ma dimostrerebbe ai giocatori del Real che i blaugrana non sono invincibili, specie in vista del (quasi sicuro) doppio scontro in semifinale di Champions. Per questa Pep Guardiola vuole una vittoria nel 'Clasico' che si giochera' a Madrid sabato prossimo. "Possiamo dare un colpo decisivo al campionato", ha detto l'allenatore del Barca dopo il difficile successo sull'Almeria, che ha mantenuto i catalani a +8 sulla squadra di Jose' Mourinho quando mancano sette partite dalla fine.

Il primo scontro diretto tra le grandi di Spagna - si troveranno anche in finale di Coppa del Re - rappresenta il ritorno del match della 'manita', che mesi fa vide il Barcellona umiliare per 5-0 il Real Madrid al Camp Nou. Era il primo 'Clasico' di Mourinho con le merengues e la voglia di rivincita del portoghese sara' grande come quella di pubblico e giocatori. A Bilbao contro l'Athletic lo Special One ha vinto lasciando in panchina mezza squadra, ritrovando Kaka' (a segno due volte su rigore) e il 29/o gol di Cristiano Ronaldo in questa Liga (il 40/o in stagione, a 2 centri dal record personale stabilito con il Manchester United).

"Mi sento in debito con il Real - ha detto il brasiliano, che tra infortuni e altri problemi non ha certo reso secondo le attese -. Il Barcellona non e' invincibile e possiamo ancora vincere tutto, campionato, Champions e Coppa del Re". Sulla sponda catalana l'entusiasmo abituale per una squadra unica e' appena incrinato dalla preoccupazione per gli infortuni, specie in difesa, dove ad Abidal fuori gioco per il cancro si e' unito il capitano Puyol. In attacco stagione finita a causa di un infortunio al ginocchio per Bojan, non certo un titolare.

La sicurezza come al solito e' Leo Messi, arrivato anche lui a 29 reti nella Liga, e a 47 stagionali. Quel che temono forse di piu' in Catalogna sono le diavolerie tattiche di Mourinho nel doppio confronto in Champions: nessuno ha dimenticato l'eliminazione in semifinale lo scorso anno contro l'Inter allenata dal tecnico di Setubal. Prima della supersfida di sabato c'e' ancora il ritorno dei quarti in Europa: il Real partira' da 4-0 con il Tottenham, il Barca da 5-1 con lo Shakthar Donetsk. Una formalita', poi si fara' sul serio in un duello infinito all'ultimo respiro. 

Commenta nel forum del calcio internazionale

Guarda anche:
Guardiola, Moratti può attendere: futuro in Premier
Real Madrid e Barcellona: chi fa più paura?