Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
15 agosto 2011

Nigeria, rapito il padre di Mikel. Ma lui gioca lo stesso

print-icon
obi

Il padre del centrocampista del Chelsea, Michael Obi, titolare di una società di trasporti, è stato rapito venerdì. Il giocatore, però, non ha rinunciato a scendere in campo nel match contro lo Stoke City "per non creare problemi alla squadra"

NEWS: Scudetti d'Europa, ecco chi vincerà Lo dicono i numeri... -

VIDEO: La presentazione della Premier League 2011-12

FOTO: La presentazione della Bundesliga

John Obi Mikel è sceso regolarmente in campo ieri, nella partita pareggiata 0-0 dal suo Chelsea contro lo Stoke City, nonostante poco prima fosse stato informato che suo padre era stato rapito in Nigeria. Lo ha reso noto oggi la compagnia che cura gli interessi del nazionale nigeriano.

"Mikel è stato informato (del sequestro) dal suo allenatore prima dell'incontro Stoke City-Chelsea ed ha deciso di giocare, per non creare problemi alla squadra e alla sua famiglia", ha detto Sport Entertainment and Media Group. "Finora non è giunta nessuna richiesta di riscatto", ha aggiunto la compagnia. Il padre del centrocampista, Michael Obi, titolare di una società di trasporti, è stato rapito venerdì. Durante la partita, John Oby Mikel è stato protagonista di una buona prestazione, andando anche vicino al gol con un tiro dalla distanza che il portiere dello Stoke Asmir Begovic ha deviato sopra la traversa.


Chi vincerà la Premier? Fai il tuo pronostico nei nostri forum