19 settembre 2011

Lazio, parla Lotito: "Da Reja nessuna lettera di dimissioni"

print-icon
edy

Il presidente biancoceleste nega che il suo tecnico abbia proposto di lasciare la panchina, e precisa: "La verità è che oggi abbiamo ratificato la chiusura di bilancio in attivo di una società che io ho preso con oltre 500 milioni di debiti"

Voglia di Serie A? Rivivi le prime giornate sfogliando l'Album

"Non c'è stata nessuna lettera di dimissioni scritte da parte di Reja, poi respinte dal presidente". E' Claudio Lotito a fare chiarezza sul caso Reja, dopo che si era diffusa la voce di una proposta di farsi da parte, avanzata dal tecnico biancoceleste.
"Tutto quello che viene detto e scritto è solo volto a fare cadere tutte le colpe sull'allenatore, per destabilizzare e creare problemi alla società" afferma Lotito. "La verità è che oggi c'è stato un Consiglio di gestione che ratifica la chiusura di bilancio in attivo di una società che io ho preso con oltre 500 milioni di debiti".

Il presidente della Lazio, dunque, nega che il tecnico dei biancazzurri, Edy Reja, abbia proposto di lasciare la panchina, e attacca "chi mette in giro voci artatamente false e destabilizzanti per arrecare danno alla squadra e alla società". "Oggi sono tornato a Formello dopo la fine del mio periodo di inibizione di 44 giorni, che mi ha impedito di svolgere il mio ruolo di dirigente sportivo - ha detto Lotito, interpellato per telefono dall'ANSA -. Ho incontrato la squadra e il tecnico per fare il punto. Ci siamo chiariti sulla situazione, sul progetto e sulle prospettive, ma non c'è stato altro". "Intendo quindi combattere questo sistema - ha concluso il presidente della Lazio - che con voci e notizie artatamente false tenta di avviare un processo di destabilizzazione. Sono pronto anche ad adire le vie legali".

Lazio, è giallo intorno alle dimissioni di Reja. Intervieni nel forum!