Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
06 ottobre 2011

Veron conferma l'addio al calcio, si ritirerà a fine mese

print-icon
ver

Juan Sebastian Veron smetterà con il calcio giocato a fine ottobre (Getty)

L'ultima gara della "Brujita" sarà quella del prossimo 31 ottobre contro il Racing Club nella tredicesima giornata del torneo d'Apertura. Lo ha spiegato il giocatore stesso ai tifosi. Nel suo futuro ci potrebbe essere la presidenza della società

L'Estudiantes di Veron vince la Coppa Libertadores

Il centrocampista argentino Juan Sebastian Veron, 36 anni, appenderà le scarpette al chiodo a fine mese per motivi di salute. Per rendere ufficiale la sua decisione la Brujita (la streghetta) non ha scelto né una conferenza stampa, né il sito web della squadra in cui milita, l'Estudiantes. Più semplicemente ieri pomeriggio, al termine degli allenamenti, si è avvicinato ai supporter ed ha confermato l'indiscrezione che da giorni circola sui giornali. "Presto lascio" ha detto Veron, che in Italia aveva vestito la maglia di Samp, Parma, Lazio ed Inter. Il commiato sembra essere fissato per la partita del 31 ottobre, che l'Estudiantes, ultimo in classifica, giocherà contro il Racing Club nella tredicesima giornata del campionato "Apertura", allo stadio unico de La Plata.

I supporter del "Pincharratas" ("Pungitopi" così viene anche chiamato il team degli "Estudiantes") hanno cercato di fargli cambiare idea, ma Veron è apparso irremovibile, "la decisione ormai è presa", ha affermato e indicando la caviglia destra operata di recente ha spiegato di come il dolore gli "risulti insopportabile" e di come questa situazione gli impedisca di giocare. L'intervento chirurgico non è stato infatti sufficiente a risolvere gli acuti problemi di cui soffre in modo ormai cronico e che negli ultimi mesi lo hanno tenuto sempre più spesso lontano da allenamenti e partite.

Tra le indiscrezioni che circolano sul futuro del centrocampista, anche quello di un suo possibile ruolo come direttore della selezione argentina, la cui maglia ha vestito a lungo. I suoi rapporti col ct dell'albiceleste Alejandro Sabella, ex tecnico dell'Estudiantes, sono buoni e lo sono anche quelli con gli altri giocatori della nazionale, in particolare con Lionel Messi, col quale aveva condiviso la stanza in occasione dei Mondiali del Sudafrica. Nei mesi scorsi però il centrocampista aveva espresso più di una volta il desiderio di diventare presidente dell'Estudiantes.