Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
17 gennaio 2012

Mou accende il Clasico di Coppa: "Nessuno tocchi Ronaldo"

print-icon
mou

Mourinho e Cristiano Ronaldo, patto d'acciaio tra i due (Getty)

Stasera si gioca Real-Barcellona, valida per l'andata dei quarti di finale di Coppa del Re, il tecnico merengue se la prende con i giornalisti che criticano CR7: "Andate al cinema, non permetterò a nessuno di toccarlo quando gioca così"

STATISTICHE: La stagione 2011-2012 della Liga

Niente 'clasico descaffeinado', come temeva Iker Casillas per la moltiplicazione degli scontri diretti fra Real e Barça, per la partita di andata dei quarti di finale della Coppa del Re di domani sera al Bernabeu fra i due grandi di Spagna e d'Europa. L'attesa fra gli aficionados e già alta, i biglietti scrive As si rivendono su internet ai soliti prezzi stratosferici, sui 1200 euro, e come è tradizione da quando Mourinho è approdato in Spagna il portoghese ha soffiato tensione sulla vigilia. Questa volta non se l'è presa con il Barça o con il rivale Pep Guardiola, ma con i cronisti, e ha difeso a spada tratta Cristiano Ronaldo, criticato da tifosi e stampa per le mediocri prestazioni delle ultime partite. "Guai a chi lo tocca, non lo permetterò".

Il Barça arriva decimato da infortuni e squalifiche. Non ci saranno Villa, Afellay, Pedro è incerto, Keita è via per la Coppa d'Africa, Maxwell è passato al Psg. Ma Guardiola conta sulla sua solita carta vincente, Lionel Messi, a 24 anni già triplo Pallone d'oro, 13 volte in rete nei 14 Clasicos contro il Real cui abbia partecipato finora. E' "l'incubo" di Iker Casillas, rileva la stampa spagnola. Completeranno il dispositivo d'attacco Alexis Sanchez e Cesc Fabregas, davanti a Xavi e Iniesta. In porta Guardiola dovrebbe schierare il secondo portiere Pinto, l'uomo delle partite di coppa. Scaramantica la stampa madridista spera che la sua presenza porti fortuna agli uomini di Mourinho. C'era lui fra i pali del Barça l'anno scorso quando i catalani sono stati battuti - l'unica volta - dal Real 1-0 nella finale della Copa del Rey 2011. "A Barcellona temono Pinto" titola oggi a tutta prima pagina As.

Da parte madridista c'è nervosismo. Finora Guardiola al Bernabeu non ha mai perso. Ha vinto 4 volte e una ha pareggiato. E' la 'ossessione' di Mou dice la stampa catalana. Ronaldo, che finora non è mai riuscito a brillare nelle sfide con il Barça, e che i tifosi hanno fischiato nelle ultime partite, arriva in crisi apparente. "Lavoro con lui da un anno e mezzo, ha segnato tanti gol. Ma mi è piaciuto più che mai - lo ha difeso oggi Mou - nella seconda parte della partita di sabato contro il Maiorca: non ha giocato bene, non è stato il migliore, ma ha lavorato come una bestia, ha recuperato palloni, alla fine era distrutto".

"Non permetterò a nessuno di toccarlo quando gioca così": "se uno di voi lo tocca - ha detto ai giornalisti - avremo un problema, perché non lo permetterò". Mourinho si è anche innervosito nella conferenza stampa della vigilia quando gli è stato chiesto se dopo tante sconfitte con Guardiola domani si giocherà qualcosa di più di una semplice partita, e quando gli è stato chiesto come organizzerà la squadra: "meglio che domani tu vada al cinema - ha replicato a un cronista - ne parliamo dopo la partita".