10 febbraio 2012

Ibra: Juve, Aronica, le spie. Allegri: lo aspetto più sereno

print-icon
ibr

Le scintille fra Ibra e Storari (Juve) nell'ormai famoso match di Tim Cup

Lo svedese del Milan sempre al centro dell'attenzione. Marotta, il dg bianconero, risponde alle accuse di capitan Ambrosini che difendeva Zlatan: Chiellini non è una spia. E il legale rossonero: di lui la Procura federale non si sta occupando.... LE FOTO

DOSSIER - Errori ed orrori arbitrali in Serie A

FOTO: Ibra-Aronica, la sequenza dello schiaffo - Milan, che tabù l'anno bisestile...

Ibrahimovic e i suoi nervi tesi. Ibrahimovic e i due episodi l'uno a ridosso dell'altro, il caso dello schiaffo ad Aronica per cui ha preso tre turni di qualifica in campionato e il "buffetto" a Storari in Coppa Italia con la Juve. Ibrahimovic, insomma, uomo del giorno anche due, tre giorni dopo gli avvenimenti che l'hanno condotto sulle prime pagine.

"Credo che fino al 23 febbraio, due giorni prima della sfida con la Juve, non sapremo nulla su un'eventuale riduzione della squalifica di Ibrahimovic" ha detto intanto l'allenatore del Milan, Massimiliano Allegri, notando che "Ibra ha sbagliato contro il Napoli, ma ha pagato lui per quello scambio di buffetti: dargli addosso non è giusto, perché fino a quel momento è stato impeccabile. Lo aspettiamo - ha aggiunto - più in condizione e più sereno".

"Chiellini non ha fatto la spia, ha solo risposto alle domande dei giornalisti a fine partita". Così invece il direttore generale della Juventus, Beppe Marotta, ha risposto a chi gli chiedeva un commento circa il dopopartita di Milan-Juve di Coppa Italia. "Né lui né la Juve - ha aggiunto - vogliamo entrare nella valutazione di ciò che è accaduto: il Milan è il Milan, con Ibrahimovic o senza Ibrahimovic, una squadra forte e una società che rispettiamo". Ma vi aspettavate, dopo quanto accaduto in Milan-Napoli con lo svedese sempre protagonista, un ricorso alla prova tv per quanto accaduto tra Storari e Ibrahimovic? "Assolutamente - ha risposto Marotta -, siamo assolutamente indifferenti. In Coppa Italia non è ancora deciso nulla, però che ci sia Ibrahimovic o no, quello che conta è preparare la partita nel modo giusto".

E infine il legale del Milan, Leandro Cantamessa, entrando negli uffici della Lega Serie A, ha oggi spiegato ai cronisti che "la procura federale non ha adottato iniziative né nei confronti di Aronica, né per il millantato secondo schiaffetto di Ibrahimovic. Questo ha un significato oggettivo. Poi, a seconda delle persone, avrà un significato positivo o negativo". Come dire, i fatti sono i fatti. Ciascuno giudichi liberamente Ibra e i suoi comportamenti, o Aronica, o il portiere del Napoli, De sanctis, che corse verso l'arbitro per "denunciare" il misfatto del milanista, non visto direttamente dal direttore di gara... Alla prossima puntata.