Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
08 marzo 2012

L'Udinese crolla nel finale, è festa per l'Az Alkmaar

print-icon
udi

L'Udinese rimedia una sconfitta in Olanda nell'andata degli ottavi di Europa League

Nell'andata degli ottavi di Europa League la formazione di Guidolin perde 2-0 in Olanda e complica i piani di passaggio del turno. L'Az sfrutta due incursioni sulla destra e va a segno con Maertens e Falkenburg. Di Natale in campo solo nella ripresa

VIDEO CHAMPIONS: tutti i gol da Sky Sport - i video effetto stadio

AZ ALKMAAR-UDINESE 2-0
63' Maertens, 84' Falkenburg

E' vero che l'Udinese ci ha abituati alle sorprese, la sconfitta di Alkmaar non deve ingannare perché la formazione di Guidolin ha comunque espresso un buon calcio dimostrando di valere l'avversario, lasciando la sensazione che una rimonta con conseguente qualificazione ai quarti resta ancora possibile. L'Az è una signora squadra, ha ferito in contropiede con spietatezza ma anche con un po' di fortuna: Pasquale aveva appena mancato il possibile vantaggio friulano e sul capovolgimento di fronte Maertens ha trovato un colpo di testa vincente accomodato da una deviazione fatale a Handanovic.

Ferronetti ha provato a rimettere le cose a posto senza trovare la porta, gli olandesi hanno badato al possesso di palla tentando di sorprendere i bianconeri sbilanciati alla ricerca del pari. Senza Di Natale l'attacco udinese, con un Armero in un'inedita posizione di seconda punta, non è stato mortifero come al solito e, nonostante l'ingresso di Totò, ha finito per spegnersi definitivamente. Tutto a vantaggio dell'Az che ha sfruttato un'errata chiamata del direttore di gara Prieto per organizzare l'azione del definitivo 2-0 siglato da Falkenburg dopo una nuova incursione sulla destra friulana.

Al Friuli servirà qualcosa in più per battere gli olandesi, innanzitutto Di Natale che, tenuto in panchina per non gravare il piede infortunato settimane fa del peso di tre gare consecutive, dovrà vestire i panni del trascinatore come sinora fatto in campionato. Allora sì che l'impresa sarà possibile.