Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
01 giugno 2012

Prandelli: "Se serve, niente Europei". Il ministro: "Andate"

print-icon
[an error occurred while processing this directive]

"Io - aggiunge il ct azzurro - dico comunque no alle crociate". La Cancellieri: andate e giocate bene. Saltata causa terremoto l'amichevole col Lussemburgo, stasera la Nazionale gioca a Zurigo in amichevole con la Russia

"Se ci dicessero che per il bene del calcio la Nazionale non deve andare agli Europei non sarebbe un problema". E il duro sfogo di Cesare Prandelli all'indomani delle notizie sull'informativa della guardia di finanza sui momenti bancari di Buffon. "Io - aggiunge il ct della nazionale - dico no alle crociate".

"Ci sono cose - sottolinea Prandelli - che reputo più importanti. Non mi piacciono le crociate, mi piacciono i confronti e non le prese di posizione senza pensare alle conseguenze. Vorrei parlare solo di calcio, ma quello che sta succedendo ci impone qualcosa di diverso. Per quanto riguarda i giocatori - ha dichiarato ancora il ct - continuiamo a dire che quelli che sono coinvolti non partiranno per gli Europei. Se poi vogliamo creare delle crociate creiamole". "L'umore di Buffon? Lui è molto forte - ha concluso il ct - - ha grande personalità, ma nonostante questo, anche a una persona come lui può pesare un momento difficile come questo".

Il ministro dell'Interno: andate e giocate - Il ministro dell'Interno, Anna Maria Cancellieri, si è detta a favore della partecipazione della nazionale agli Europei di calcio. All'ipotesi di Prandelli di non partecipare ha infatti replicato: "No, no, sono un impegno internazionale importante: giocate, giocate bene e forza Italia".

In campo contro la Russia - Saltata l'amichevole col Lussemburgo di martedì causa terremoto in Emilia (VAI ALLO SPECIALE), l'Italia di Cesare Prandelli deve comunque tornare in campo stasera a Zurigo per affrontare la Russia, ultimo test prima del debutto ai prossimi Europei contro la Spagna. Per gli azzurri è stata una settimana decisamente difficile, con la preparazione che inevitabilmente ha risentito dello scandalo del calcioscommesse, dal blitz a Coverciano che ha coinvolto Criscito alle notizie arrivate da Cremona su Bonucci e Buffon.