Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
13 giugno 2012

Guizzo di Varela: Portogallo in corsa, Danimarca battuta 3-2

print-icon
por

Contro la Danimarca il Portogallo si gioca il tutto per tutto

Nella seconda giornata del Gruppo B la squadra di Paulo Bento vince nel finale grazie a una rete di Varela e sale a quota 3 punti. In gol Pepe e Postiga, doppietta di Bendtner per il pari danese. All'88' la rete decisiva

DANIMARCA-PORTOGALLO 2-3
25' Pepe (P), 36' Postiga (P), 41' e 80' Bendtner (D), 88' Varela (P)

Guarda la cronaca del match


Il Portogallo torna in corsa. Si giocherà la qualificazione all'ultima giornata. Occorreva una vittoria per scacciare i fantasmi materializzatisi dopo la sconfitta con la Germania. Ci si attendeva di vedere un Cristiano Ronaldo finalmente decisivo e, invece, ci sarà da aspettare. Quantomeno l'Europeo non perderà, anzitempo, sin dalla seconda tornata di gare, un protagonista annunciato ma finora rimasto ai margini. La rivincita, personalissima, se l'è presa Helder Postiga, attaccante 30enne del Saragozza, l'unico vero puntero della squadra di Paulo Bento, criticato dopo la prima gara per non aver dato incisività a un attacco apparso, come da tradizione, spuntato.

La scelta di puntare ancora su Postiga, secondo alcuni, è stata suggerita da José Mourinho, consulente del ct e presente allo stadio per tifare i suoi connazionali. E la decisione è stata ripagata da un gol da centravanti puro. La prestazione, a tratti opaca, della sorprendente Danimarca rende più duro il giudizio sull'Olanda battuta nel match d'esordio. La squadra di Olsen ha atteso il Portogallo per i primi 45', subendo due reti, accorciando le distanze nell'unica vera occasione creata grazie all'opportunismo di Bendtner. Nella ripresa i danesi hanno provato a pressare il Portogallo che ha avuto spazio e tempo per chiudere, senza riuscirci, il match. E i lusitani hanno rischiato di pagare a caro prezzo gli errori. Il pareggio di Bendtner (doppietta), aveva raggelato i tifosi, ma la botta del neo entrato Varela ha chiuso i conti sul 3-2.

Ronaldo è sembrato ancora un corpo abbastanza estraneo al gioco della squadra basato essenzialmente sul collettivo, ma la gara ha premiato comunque il Portogallo. Il Gruppo B resta il più combattuto, nell'ultima partita, quella da dentro o fuori, contro l'Olanda servirà un altro Cristiano per passare ai quarti.