Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
27 giugno 2012

Una piccola Spagna in finale: Portogallo eliminato ai rigori

print-icon
spa

La Spagna batte il Portogallo ai rigori ed è la prima finalista di Euro 2012 (Foto Getty)

La semifinale di Euro 2012 decisa dal dischetto, dopo che i tempi regolamentari e supplementari si sono chiusi sullo 0-0. Per i lusitani il rimpianto di aver fallito almeno tre occasioni con Ronaldo

La Spagna è la prima finalista di Euro 2012. Alla Donbass Arena di Donetsk, la selezione del ct del Bosque ha battuto il Portogallo ai rigori. Decisiva la rete di Fabregas e altrettanto il precedente errore di Alves. Si tratta di un risultato storico per una nazionale che per la trerza volta consecutiva accede alla finale di un grande torneo. Negli anni Settanta era capitato alla Germania Ovest.

PORTOGALLO-SPAGNA
4-2 dcr (0-0)

La sequenza dei rigori
PORTOGALLO: Moutinho PARATO (0-0); Pepe GOL (1-1); Nani GOL (2-2); Alves FALLITO (2-3)
SPAGNA: Xavi Alonso PARATO (0-0); Iniesta GOL (1-0); Pique GOL (2-1); Ramos GOL (3-2); Fabregas GOL (4-2)

Guarda la cronaca del match


Se questa è la Spagna, lontana partente della decantata selezione campione del mondo e continentale in carica, allora la seconda finalista di Euro 2012 potrà presentarsi a Kiev, il prossimo 1° luglio, con una certa dose di tranquillità. Spaurita, a tratti svampita e irritante, la selezione di Vicente Del Bosque è riuscita a strappare un biglietto per l'ultimo e decisivo atto solo ai rigori. C'è riuscita a Donetsk conto un Portogallo vincitore morale, per quello che può contare, di una sfida comunque piuttosto monotona.

Primi quindici minuti vivaci da parte delle Furie Rosse. Poi, però, il pallino del gioco passa e resta nelle mani e tra i piedi dei lusitani. Conta poco, si diceva, ma gli uomini di Paulo Bento la loro semifinale l'hanno vinta ai punti, giocandola con l’aggressività e la concentrazione che un evento del genere richiede. E' mancata però la lucidità, ingrediente necessario a sbloccare e chiudere la contesa: le tre occasioni capitate a Cristiano Ronaldo sono un bel rimpianto per gli sconfitti.

All’overtime comincia un'altra partita: il Portogallo spompato perde quota, mentre Fabregas riesce a risollevare l'orgoglio e l'impeto della Spagna. Troppo tardi per evitare lo stress dei rigori, ma in fin dei conti sufficiente ai campioni di tutto per andare a Kiev.