Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
27 giugno 2012

Loew da paura: "Vogliamo cambiare il corso della Storia"

print-icon
riv

Un incubo per i tedeschi, 42 anni dopo: il gol di Rivera a Mexico '70, 4-3 per l'Italia

Il ct tedesco pronuncia parole di battaglia in vista della semifinale contro l'Italia: "Quello che è successo in passato non avrà alcuna importanza sulla partita di domani sera. La nostra squadra è in grado di battere qualsiasi avversaria"

La tradizione che vuole la Germania sempre sconfitta a mondiali ed europei contro l'Italia non conterà niente, domani sera, secondo il ct della nazionale tedesca Joachim Loew. "Ma i giocatori di oggi - ha aggiunto - hanno delle qualità e sanno che possono cambiare il corso della Storia. Quello che è successo in passato - ha aggiunto - non avrà alcuna importanza sulla partita di domani sera. La nostra squadra è in grado di battere qualsiasi avversaria: questo non vuol dire che vinceremo, ma la fiducia e' molta per poterlo fare".

"Ero troppo piccolo per Mexico '70" - Fra i precedenti storici, Loew ricorda particolarmente bene la semifinale del 2006, quando era vice di Klinsmann. "Non ricordo Messico '70, ero troppo piccolo - ha detto, benché all'epoca avesse già dieci anni - mentre quella del 2006 è stata la più grande delusione, soprattutto per il modo in cui abbiamo perso, che ci ha lasciato una grossa amarezza, saremmo potuti arrivare in finale, eravamo in casa. E' stata davvero un'enorme delusione".

"Possiamo arrivare in finale" - Joachim Loew, oltre a elogiare la sua Germania, nella conferenza stampa alla vigilia della sfida di Varsavia contro gli azzurri fa i complimenti anche alle altre semifinaliste. "Siamo arrivati fin qui, volevamo questo traguardo e adesso ci siamo - ha spiegato il ct dei panzer - credo che nelle semifinali ci siano le migliori quattro squadre e che tutte abbiano meritato di esserci, esprimendo il miglior calcio. Sarà una partita molto combattuta e di alto livello, in queste gare serve anche un po' di fortuna, ma siamo ben preparati e non vediamo l'ora di entrare in campo. Ho a disposizione una squadra molto forte che ha le potenzialità per andare in finale".

"Disinnescare Pirlo..." - L'obiettivo principale della Germania sarà allora "disinnescare Pirlo". Joachim Loew ha ribadito che è lui il giocatore che teme di più. "L'Italia è un'ottima squadra a cominciare dalla difesa. Pirlo non è solo un top player, ma imposta il gioco, ha ottime idee, è il giocatore che finora per l'Italia ha dato di più, perché detta i tempi di gioco. Bisogna disinnescare Pirlo, trovare il modo per far meglio di loro a centrocampo, dettare i nostri ritmi e credo che saremo in grado di farlo". Loew teme anche Balotelli e Cassano, "perché sono ottimi giocatori, li conosciamo bene. Balotelli è forte e imprevedibile, Cassano è bravissimo con i piedi, ma siamo pronti a fermarli, grazie ai nostri centrali di difesa, col supporto del centrocampo".