Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
28 giugno 2012

Petrucci: "Lo spread stavolta lo abbiamo dettato noi"

print-icon
[an error occurred while processing this directive]

Grande gioia dopo la vittoria degli azzurri sulla Germania . Prandelli: "Quando si parla di Italia bisogna stare tutti molto attenti". Chiellini: "Successo dedicato ai terremotati dell'Emilia". Entusiasta Napolitano

"Noi ci siamo, dico solo che quando si parla di Italia bisogna stare tutti molto attenti". Così Cesare Prandelli dopo la vittoria degli Azzurri sulla Germania 2-1 che vale la finale di Euro 2012. "Abbiamo fatto una gara straordinaria - aggiunge il ct - Noi abbiamo dato l'esempio di correttezza e attaccamento alla maglia". Sulla partita con i tedeschi Prandelli ha sottolineato che "abbiamo fatto quelle cose che potevano mettere in difficoltà gli avversari".

Elogi per Antonio Cassano. "La carriera di Mario Balotelli? E' appena cominciata". ha aggiunto il ct azzurro. "Ora arriva la partita più importante dell'Europeo: il sogno è appena cominciato". Cesare Prandelli si proetta sulla finale di Euro 2012 con la Spagna. "Troveremo le energie: anche loro ne hanno spese tante, domenica partiremo alla pari".

Balotelli finalmente felice -
"Quale immagine mi porterò dietro di questa partita? Di sicuro a fine partita quando sono andato da mia mamma e le ho detto 'questi gol sono per te'. Ho aspettato questo momento per tanto tempo, soprattutto perche' mamma è venuta fino a qui e volevo farla felice. Questa sera è stata la più bella della mia vita, ma spero che quella di domenica sia ancora migliore. Ora dobbiamo solo stare tranquilli, loro (la Spagna ndr) hanno questo palleggio ma non dobbiamo innervosirci". Mario Balotelli commenta così la partita contro la Germania di cui è stato il match-winner. "Per la finale viene anche papà - aggiunge Balotelli - e quindi spero di farne quattro".

Se Balotelli dovesse segnare un altro gol diventerebbe il capocannoniere di questo Europeo: "devo segnare un altro gol, io ci provo ma nel calcio ci provi tante volte e il pallone non entra. A me nelle prime partite mi erano arrivate tante occasioni, ma non ero riuscito a concretizzarle. Nel calcio ci vuole anche fortuna". Poi un complimento: "l'assist di Cassano (per il primo gol ndr) è stato fantastico, solo lui può fare qualcosa del genere. L'esultanza? Lo avevo detto, no?". E quella sul secondo gol? "Qualcuno si è arrabbiato - scherza - per l'esultanza del secondo gol perché hanno visto il mio fisico e sono gelosi". Sul cambio con Di Natale ha detto che "avevo i crampi, ero un po' stanco già dall'altra partita, il mister mi ha chiesto come stavo ma ormai il cambio era fatto". E invece quel suo modo particolare di caricarsi prima della partita? "Sono andato a salutare tutti - dice - perchè c'era la mia famiglia, mio fratello, tanti amici miei, avere le persone più care vicine è normale che mi abbia caricato. Poi lo faccio anche con la musica del mio amico Drake che ascolto nelle cuffie". Tornerà a giocare in Italia? "Adesso non torno, i tifosi del City mi vogliono sempre bene anche se sono inglesi ed io ho contribuito ad eliminare la loro nazionale".

La gioia di Marchisio -
"E’ la più grande soddisfazione della mia carriera? Sarà la prossima, se vinceremo domenica. Oggi comunque abbiamo fatto una partita strepitosa, abbiamo segnato con Mario (Balotelli ndr), poi siamo stati cinici e nel secondo tempo abbiamo resistito agli attacchi della Germania". Uno stanchissimo Claudio Marchisio esprime tutta la gioia per la qualificazione dell'Italia alla finale di Euro 2012. "Ad un certo punto non ce la facevo più - ha detto ancora Marchisio -, ma l'importante è aver conquistato questa finale. Ora c'è la Spagna, abbiamo dimostrato di essere alla loro altezza della spagna e da lì è cominciato il nostro Europeo. Non è più questione di timori, ora bisogna tirare fuori tutto ciò che abbiamo ancora dentro".

"Dedico questa vittoria alla persone che ora faranno festa in piazza - conclude Marchisio -: spero che i nostri sforzi possano dare una mano ed un sorriso alla gente, visto il momento di crisi che c'è nel nostro paese".

La dedica di Chiellini - "La vigilia ero tranquillo, dieci giorni fa era un sogno pensare al recupero, devo ringraziare lo staff medico". Giorgio Chiellini non sta più nelle pelle per la finale conquistata agli europei e per essere riuscito a recuperare. "Stiamo vivendo un sogno - dice - e con noi milioni di italiani. ci godiamo ancora un po' questa vittoria, poi il pensiero andrà a domenica e vogliamo continuare a sognare".

"Il mio pensiero va ai terremotati dell'Emilia, noi quel giorno a Parma abbiamo vissuto delle emozioni incredibili". Giorgio Chiellini fa una dedica particolare per il successo sulla Germania. "Ci abbiamo creduto fin dal principio - dice ancora Chiellini, rivolgendosi ad un gruppo di terremotati collegati dall'Emilia -: volevamo vincere per continuare questo sogno e  farlo vivere anche a voi, insieme a noi. Anche nei minuti di sofferenza finale ci abbiamo creduto e ci siamo meritati questa vittoria. Ora andiamo a prenderci questa coppa".

Balzaretti al settimo cielo - "E' un sogno essere in finale, ma le finali bisogna vincerle. Ora godiamoci questo successo, ma da domani dobbiamo pensare alla Spagna". Così Federico Balzaretti nel dopo-partita della semifinale europea vinta contro la Germania. "Il rigore? - dice ancora l'azzurro - Non ho capito cosa abbia fischiato, tra l'altro prima del mio tocco, perchè l'arbitro ha detto che il 'mani' era di Barzagli. Ma a questo punto, c'era o non c'era, non ci cambia nulla".

La battuta di Petrucci -
"Lo spread stavolta lo abbiamo dettato noi...". Il presidente del Coni, Gianni Petrucci, attinge ai temi economici per commentare con una battuta il successo dell'Italia sulla Germania 2-1 che fa volare gli Azzurri alla finale di Euro 2012. "La nazionale non finisce qui - ha aggiunto senza nascondere la gioia Petrucci - è difficile e lo sappiamo, ma ci siamo".

L’Ira di Buffon - "Ero arrabbiato, certo, perchè qui si sta giocando per qualcosa di unico e di troppo prestigioso: non è giusto, per la partita fatta, soffrire negli ultimi cinque minuti e scherzare con il fuoco". Gigi Buffon spiega così la rabbia mostrata al termine della gara vinta dall'Italia con la Germania. Buffon era uscito dal campo visibilmente contrariato, nonostante il successo della nazionale e della qualificazione alla finale. "Se per una situazione fortuita si arrivava sul 2-2 - aggiunge il capitano azzurro - ai rigori magari la perdevamo la partita e saremmo stati qui a raccontare altro. Io le valutazioni le faccio anche in base a certi atteggiamenti che ancora dobbiamo migliorare. Ci sono i giovani che devono imparare questo, i vecchietti come me poi in certe situazioni rompono le scatole...".

"Abbiamo fatto un'ottima partita - sottolinea però Buffon -, potevamo vincere in maniera più larga. Oggi siamo stati molto bravi e ci è andata anche tutto bene". A chi gli fa notare che nonostante l'impresa lui non ha gioito, Buffon replica: "Io ricambio con le prestazioni chi mi vuole bene, mi sdebito così: sorriderò quando avremmo vinto, stasera il mezzo sorriso basta e avanza". Quanto al calore dei tifosi che la nazionale ha raccolto Buffon ha rivelato di aver "passato la serata a vedere su Youtube le piazze in festa dopo i rigori con l'Inghilterra: se abbiamo giocato così stasera è soprattutto per questa gente. Volevamo stupire e il modo migliore per farlo lo stiamo dimostrando".

L’orgoglio di Napolitano -
Ormai è un rito, forse anche beneaugurante: subito dopo il successo con la Germania agli Azzurri è arrivata la telefonata del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano: "Questa è un'impresa - ha detto - senza aggettivi, non ci sono parole per dirvi quanto siete stati grandi".

Valentino Rossi esalta Balotelli - "Ma cosa ha fatto Mario! Due volte!!! Grandissimo!!!". Valentino Rossi non ha perso tempo e dopo la fine della partita vinta dall'Italia 2-1 sulla Germania ha affidato a Twitter i suoi complimenti alla nazionale. Il pensiero è naturalmente per Supermario Balotelli, autore della doppietta che ha fatto volare gli Azzurri alla finale di Euro 2012. "Grandi ragazzi - scrive il campione della Motogp - stasera lezione di calcio. Siamo in finale!".

I complimenti di Ancelotti - "Grandissimi ragazzi, siete l'orgoglio del nostro Paese". Carlo Ancelotti si complimenta così, via Twitter, con gli azzurri per la qualificazione alla finale di Euro 2012. Il tecnico del Psg rivolge poi un pensiero al ct Prandelli: "Bravo Cesare, stai dando un'ottima immagine di noi allenatori italiani".