Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
02 luglio 2012

Napolitano riceve l'Italia: "Avete fatto cose straordinarie"

print-icon
[an error occurred while processing this directive]

La Nazionale, di ritorno da Kiev, ha raggiunto il Quirinale. Buffon ha presentato tutti gli azzurri al Presidente della Repubblica che si è detto felice della conferma di Prandelli: "Avrei protestato in caso di addio"

Un pizzico di delusione, ma soprattutto la serenità che deriva dalla consapevolezza di aver dato tutto. Questi i sentimenti che il presidente della Federazione Italiana Gioco Calcio Giancarlo Abete, ha manifestato al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, nel corso dell'incontro con i nazionali azzurri di calcio, reduci da Euro 2012. "Siamo sereni di aver dato tutto", ha detto Abete: "lei - ha aggiunto il numero uno della Figc - è l'immagine di un Paese costruttivo e propositivo, che vuole arrivare all'unita' d'Europa mantenendo l'identità nazionale. Siamo grati anche al presidente Mario Monti e al ministro Piero Gnudi che ci sono stati accanto in questi giorni. Siamo qui per dirle grazie al'invito che ci ha rivolto e per la fiducia data. Abbiamo avuto l'onore di averla con noi a Danzica, avevamo l'obiettivo quel giorno di tornare il 2 di luglio e così è stato".

Il ct della Nazionale Cesare Prandelli ha donato la medaglia di Euro 2012 al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Il gagliardetto dell'Italia e il pallone sono stati donati dagli Azzurri al capo dello Stato. A consegnare i doni, dopo la medaglia d'argento donata dal ct Cesare Prandelli sono stati Andrea Pirlo e Mario Balotelli. "Guai se non avesse sciolto i dubbi, avrei protestato", Così il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha commentato la decisione del ct, Cesare Prandelli, di restare la suo posto. "Avete fatto risultati straordinari, ma c'è ancora tanta strada da fare, ci rivedremo", ha aggiunto il Capo dello Stato. 

La presentazione di Buffon - "Niente discorsi, oggi voglio solo presentarle i miei compagni, che mi hanno reso orgoglioso di vivere insieme questa avventura". Così Gigi Buffon, portiere e capitano della Nazionale italiana giunta seconda all'Europeo 2012, si è rivolto al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in occasione del ricevimento al Quirinale. Poi ha elencato i nomi dei giocatori.

L'arrivo a Fiumicino -
Ritorno a casa con applausi per la Nazionale azzurra. Il charter proveniente da Cracovia è atterrato alle 17:55 a Fiumicino, e i giocatori appena scesi dalla scaletta sono stati accolti dall'applauso di un centinaio di operatori dello scalo aeroportuale.

Le parole del Ct - "Rimane una grande amarezza ma siamo consapevoli di aver disputato un grande Europeo: abbiamo disputato la finale contro i più forti in condizioni non ottimali". Lo ha detto appena sceso dall'aereo Alitalia a Fiumicino il capitano della Nazionale, Gigi Buffon, tra gli azzurri più applauditi assieme a Daniele De Rossi, Balotelli e Cassano. Grande incitamenti per il ct Prandelli, "grande mister, grazie mister", gli hanno gridato gli oltre 200 operatori aeroportuali che si sono radunati sotto l'aereo per applaudire la comitiva azzurra. Il primo a scendere dalle scalette dell'aereo e' stato il vicepresidente federale Demetrio Albertini seguito da Balzaretti con la bimba in braccio e dalla moglie Eleonora Abbagnato. Poi a seguire Cassano e Prandelli.