Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
08 agosto 2012

L'Inter aspetta l'Hajduk. Strama: "Evitiamo gli infortuni"

print-icon
and

Il tecnico nerazzurro Stramaccioni pronto alla prima panchina europea a San Siro (Getty Images)

L'allenatore nerazzurro, in conferenza stampa con Milito, predica attenzione in vista del ritorno nel terzo turno preliminare di Europa League (andata 3-0 per l'Inter ). Sul mercato: "Lucas? Meglio giocatori funzionali. Non mi serve un attaccante"

Una pura formalità. Il 3-0 a Spalato in casa dell'Hajduk nell'andata del terzo turno preliminare di Europa League ha praticamente spalancato all'Inter le porte dei play-off per l'accesso alla fase a gironi. Tuttavia ci sarà da onorare al meglio l'impegno e proseguire con una nuova e importante tappa in vista dell'inizio del prossimo campionato. Comunque una festa anche in virtù dell'ottimo afflusso di pubblico che si prevede per domani sera a San Siro. "Vedere quest'affetto da parte dei tifosi ci dà una grande carica", afferma il tecnico.

"E' una cosa veramente bella che tanti nostri tifosi, già nella trasferta in Croazia il 2
agosto, ci sono stati vicini. È facile riempire lo stadio quando si vincono scudetti e Champions, ma noi veniamo da annata difficile e loro ci danno tanta carica per fare bene", aggiunge. Sarà anche la prima sul nuovo prato di San Siro che si presenta con un misto tra sintetico e naturale: "È in ottime condizioni. Rischio infortuni? La prudenza ci suggerisce la gestione dei calciatori. Le valutazioni le ho sempre fatte con i medici ascoltando il giocatore stesso. Valuteremo al meglio e i rischi saranno uguali a zero".

Più che sull'avversario di domani le domande si incentrano sul mercato, anche se Stramaccioni fa di tutto per non fare nomi. "Abbiamo una buona base, poi mi piacerà commentare l'Inter al 31 agosto - afferma Stramaccioni - Non può un'individualità cambiare l'identità della squadra, puntiamo su calciatori funzionali alle nostre caratteristiche. Perché noi i nomi li facciamo diventare grandi sul campo. Prendete Guarin, oggi è uno dei migliori. Lucas? Ai giornalisti serve il nome ma le caratteristiche vanno oltre il singolo nome. L'importante che arrivino giocatori funzionali e quello che manca. Ad esempio un centravanti non mi serve".

Sul Psg assoluto padrone del mercato e che continua a pescare in Italia e anche all'estero: "E' un'eccezione nella storia del calcio, credo che commentarlo sia fuori luogo. In quanto a noi, io col club, Branca e Ausilio, ho contatti costanti e sono molto soddisfatto. E ho anche la fortuna di avere un presidente con cui posso parlare di calcio tecnicamente". E su Andrea Ranocchia, coinvolto nell'inchiesta sulle scommesse, il tecnico dell'Inter dice: "Il termine preoccupazione è fuoriluogo. A livello umano sono vicino ad Andrea, siamo tutti con lui come Inter e gli staremo vicini".

In conferenza stampa era presente anche Diego Milito che il tecnico ha elogiato sostenendo che non esiste in circolazione un vice con le sue caratteristiche: "Chi consiglierei alla societa?. Non spetta a me dirlo - risponde l'attaccante - io mi alleno e quando vengo chiamato in causa faccio il massimo per questa maglia. Il mercato lo lascio a chi ne ha la competenza". Sugli obiettivi stagionali Milito non ha dubbi: "Dobbiamo puntare al massimo, dobbiamo capirlo da subito. Abbiamo una buona base e siamo l'Inter".