Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
08 agosto 2012

Milan-Real amichevole a New York sotto il segno di Kakà

print-icon
kak

Kakà, sogno proibito dei rossoneri

Oggi allo Yankee Stadium il match che deve propiziare l'incontro tra Galliani e il brasiliano. Ma il club rossonero può permetterselo solo in prestito e a metà ingaggio. Per questo non c'è grande ottimismo sulla riuscita della negoziazione

Le mille luci di New York sono pronte a illuminare la scena, anzi la cena, della trattativa Kakà. Galliani è già da giorni nella Grande Mela, ieri in serata l'arrivo del Real. L'incontro avverrà comunque oggi, giorno dell'amichevole tra i due club allo Yankee Stadium. Non c'è grande ottimismo, da parte del Milan, sulla riuscita della negoziazione, la parola del giorno è 'impossibile': il Real non vuole regalare il suo giocatore, vista la cifra pagata per averlo, 68 milioni; e non vuole pagare il doppio delle tasse se dovesse tornare dopo un anno in Italia.

Ma il Milan può permettersi Kakà solo in prestito e a metà ingaggio. Questi gli estremi, il punto d'incontro è difficile da trovare, ma Galliani aveva definito 'impossibile' anche l'arrivo di Ibrahimovic. NonsoloKakà, l'affare coinvolge anche Diarra, centrocampista che forse tornerebbe ancora più utile ad Allegri.

In Spagna sono attentissimi all'evoluzione della trattativa, e pure alle sorti societarie del Milan: rimbalzano le voci sugli investitori russi, che però non trovano conferma in Italia. Pare che il Milan voglia provare a salvarsi da solo, e lottare con le proprie forze. Le cessioni di Thiago e Ibra, e la drastica riduzione del monte ingaggi, hanno dato una grande mano in questo senso. E il cuore per kakà può battere, ma non battere cassa.