Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
30 agosto 2012

Il Real è super: Barça piegato 2-1. Mourinho, primo titolo

print-icon
esu

Festa Real al Bernabeu: il primo titolo della stagione è 'blanco' (Getty Images)

Supercoppa di Spagna. Dopo il 3-2 del Camp Nou, grande spettacolo anche al Bernabeu. Real Madrid subito avanti con Higuain e Ronaldo, poi Barcellona in 10 (rosso per Adriano). Magia di Messi su punizione, ma non basta

Il Real Madrid in un colpo solo scaccia l'incubo Barcellona ed esorcizza un inizio di stagione choc, aggiudicandosi la Supercoppa di Spagna: 2-1 il risultato al Bernabeu che, dopo il 3-2 dell'andata al Camp nou per il Barça, consegna il primo trofeo della stagione a José Mourinho. 

Inizio da brividi per il Barcellona, sceso a Madrid senza Puyol, che dopo 20 minuti è già sotto 2-0 per le reti di Higuain (complice uno svarione difensivo di Mascherano) e Cristiano Ronaldo (anche qui con la complicità di una difesa 'allegra'). Il patatrac è completo al 28' con Adriano che viene espulso per fallo da ultimo uomo su Ronaldo: per i blaugrana (che al Bernabeu non perdono dal maggio 2008 e hanno vinto 5 delle ultime 7 gare disputate a Madrid) un'ora di partita in inferiorità numerica. Sembra una partita scontata ma il 'solito' Messi la rimette in carreggiata al 45' con una punizione perfetta.

La ripresa non cambia il copione della partita, e il leit-motiv è sempre lo stesso: il Real prova a congelare il match tenendo ritmi bassi e provando a ripartire. Il Barça invece aspetta il momento opportuno per riportarsi in avanti e cercare la 'giocata' dei suoi fuoriclasse. Il finale è da cardiopalma col forcing del Barcellona e il Real che cerca di sfruttare i contropiede. Ronaldo e compagni (tra i blancos c'è stato anche l'esordio dell'ultimo arrivato, il croato Modric) hanno più volte l'occasione di chiudere il match senza riuscirvi e così alla fine (90') l'ultima palla gol l'ha avuta Messi ma Casillas è prodigioso nel respingere il tiro in angolo.

Mourinho che voleva una reazione dopo il pessimo inizio di stagione (1 punto in due partite) può essere soddisfatto.