Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
11 settembre 2012

Fair play finanziario, l'Uefa sospende i premi per 23 club

print-icon
uef

Il comunicato sul sito dell'Uefa

Ora si fa sul serio: Atletico Madrid, Malaga, Rubin Kazan e altre venti società vedono "congelati" i premi Uefa a causa del mancato pagamento di calciatori o altri dipendenti, di altri club o del fisco. Dovranno mettersi in regola entro il 30 settembre

L'Unità di indagine dell'Organo Uefa per il controllo finanziario dei club (Cfcb), presieduta dall'ex primo ministro belga Jean-Luc Dehaene, ha annunciato la sospensione temporanea dei premi di partecipazione per 23 squadre iscritte alle  competizioni Uefa 2012/13. Si tratta del primo provvedimento per il  mancato rispetto dei criteri di fair play finanziario.

Il provvedimento non riguarda nessuna squadra italiana, ma c'è il Vaslui, il club romeno recente avversario dell'Inter nel preliminare di Europa League. E poi il Malaga e l'Atletico Madrid fresco vincitore della Supercoppa Europea, il Rubin Kazan, lo Sporting Lisbona e altre 18 squadre: Borac Banja Luka (Bosnia); Sarajevo (Bosnia); Zeljeznicar (Bosnia); Cska Sofia (Bulgaria); Hajduk Spalato (Croazia); Osijek (Croazia); Maccabi Netanya (Israele); Shkendija 79 (Macedonia);  Floriana (Malta); Buducnost Podgorica (Montenegro); Rudar Pjevlja (Montenegro); Ruch Chorzow (Polonia); Dinamo Bucarest (Romania); Rapid Bucurest (Romania); Partizan (Serbia); Vojvodina (Serbia); Eskisehirspor (Tur); Fenerbahce (Turchia).

Come previsto dai nuovi regolamenti, le società che partecipano alle competizioni Uefa 2012/13 devono fornire informazioni su eventuali pagamenti insoluti al 30 giugno 2012. Dopo l'ultima riunione ad agosto 2012, l'Unità di indagine ha rilevato mancati pagamenti verso altri club e/o dipendenti e/o autorità fiscali in 23 casi. I club interessati dovranno ora presentare un aggiornamento all'Uefa entro il 30 settembre 2012. Il provvedimento resterà poi in vigore finché le società non si saranno messe in regola o fino a un verdetto definitivo dell'Unità aggiudicativa.

Chi i premi li prende: 2 milioni per la Juve - A 575 club la Uefa ha invece distribuito euro a pioggia per aver 'prestato' i propri giocatori alle rispettive Nazionali durante il recente Europeo di calcio. In tutto 100 milioni, cosi' divisi: 40 alle società che hanno messo a disposizione i giocatori, altri 60 alle squadre i cui tesserati hanno partecipato alla fase finale. La parte del leone spetta al Bayern Monaco che si metterà in tasca 3 milioni e 95 mila euro, poi Real Madrid (2.996.585 euro), Barcellona (2.210.202 euro), Manchester City (2.069.465).

Anche la Juventus (con 2 milioni e 23 mila) non può lamentarsi: i bianconeri guidano il gruppo di club italiani che beneficeranno dei premi Uefa: il Milan (1.429.997 euro), la Roma (996.358 euro), il Napoli (599.267 euro), la Fiorentina (422.275) e l'Inter (301.445 euro). E c'è anche anche il Latina Calcio (16.771 euro) e l'Atletico Montecchio (8.386 euro).