Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
15 ottobre 2012

Si chiama Mahatma Gandhi, ma all'esordio becca il giallo

print-icon
spo

Nell'Atletico Goianense, in Brasile, gioca un mediano 20enne dal nome piuttosto singolare: Mahatma Gandhi Pio

L'Atletico Goianense, quasi retrocesso, ha battuto a sorpresa l'Internacional di Porto Alegre: durante il match spazio a una delle 'stelle' del vivaio di casa, omonimo del grande leader spirituale indiano. Il 20enne mediano sogna l'Europa 

Mahatma Gandhi ha esordito in serie A. E' successo in Brasile, dove nella partita in cui l'Atletico Goianense, ultimo in classifica e virtualmente retrocesso, ha battuto a sorpresa l'Internacional di Porto Alegre per 3-1 è sceso in campo una delle 'stelle' del vivaio dell'Atletico, il mediano ventenne Mahatma Gandhi Pio.

Per lui, schierato nell'undici di partenza e sostituito al 23' st dall'altro 'gioiello' delle giovanili Luciano (poi andato in gol) è stato l'esordio assoluto nel 'Brasilerao'. Mahatma Gandhi è stato uno dei migliori in campo del 'Dragao', che era a secco di vittorie da quattro turni, e ora spera di essere confermato anche giovedì prossimo contro il San Paolo. Ha però rimediato un'ammonizione. Nulla di grave, ma per uno che si chiama come il grande leader spirituale indano, un esordio con cartellino giallo fa quantomeno sorridere.

Inutile dire che il ragazzo deve il proprio nome di battesimo al fatto che i suoi genitori fossero due ferventi ammiratori del Padre della nazione indiana, "e convinti fautori della non violenza", precisa il calciatore. Il suo contratto con l'Atletico scade alla fine di maggio del 2014 e, come tanti suoi connazionali, sogna di andare a giocare in Europa. A meno che, con quel nome, non lo chiamino dall'India, visto che lì sta nascendo l'ennesimo tentativo di campionato nazionale di calcio professionistico, quello in cui avrebbero dovuto giocare Hernan Crespo e Fabio Cannavaro.