Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
22 novembre 2012

Del Piero con la maglia dell'Inter? Non è Alex, ma Yago

print-icon
yag

Yago Del Piero in azione con la maglia dell'Inter Primavera (foto www.inter.it)

Nella lista dei convocati di Stramaccioni per la partita di Europa League contro il Rubin Kazan c'è anche il brasiliano classe '94 di origini venete. Un cognome importante, un paragone inevitabile. Ma sulla maglia potrebbe scrivere semplicemente 'Yago'

di Luciano Cremona

Non c'è nessun errore. E non vi siete persi qualche puntata: Alex Del Piero è sempre in Australia, a cercare di dare una mano al Sydney Fc. Non è passato all'Inter, no. Eppure nell'elenco dei convocati di Stramaccioni per la trasferta di Kazan è spuntato un cognome piuttosto impegnativo: proprio Del Piero. Si tratta di Yago, centrocampista italo-brasiliano, classe 1994, che gioca nella primavera dell'Inter. Un cognome pesante, con origini venete che non fanno altro che alimentare la suggestione di un piccolo 'Pinturicchio' in maglia nerazzurra.

Magari non giocherà, magari non finirà nemmeno in panchina: Strama ha portato in Russia 20 uomini, ma in coppa la panchina è "corta". In tribuna ci andranno un portiere e uno dei giocatori di movimento. Va anche detto che l'unico centrocampista di ruolo titolare convocato è Gargano, e proprio il ruolo di Yago potrebbe tornar comodo alla spedizione interista. Ma andiamo con ordine.

Yago è nato il 14 gennaio del 1994 a Vitoria, in Brasile. Genitori brasiliani, ma il bisnonno era partito da Treviso, molti anni fa. Il ritorno in Italia, per Yago, nel 2003: trasferimento a San Biagio di Callalta, in Veneto. A quaranta chilometri da San Vendemiano, dove il Del Piero doc è cresciuto ed è sbocciato. La gioventù brasiliana fatta di tanto calcio a 5 lo aiuta. Inizia a giocare a 11, trascina la squadra locale del Fontane, il Treviso lo mette subito nelle giovanili. Dove incanta, come trequartista: un piccolo Kakà, il giocatore che più ama.

L'Inter lo osserva, nel 2008 lo porta ad Interello. Esplode nei Giovanissimi Nazionali: vince lo scudetto segnando in finale ai supplementari. Poi pian piano l'evoluzione: da trequartista a regista davanti alla difesa. Da Kakà, a Pirlo, insomma. Yago è ora un punto fermo della Primavera di Bernazzani. Stramaccioni l'ha inserito in Lista B Uefa e potrebbe lanciarlo.

Giocherebbe con la maglia 46 (forse Zamorano avrebbe inserito un '+' tra i due numeri). La curiosità sta nella scritta che verrà apposta sulla maglia: 'Yago' o 'Del Piero'? La seconda farebbe un certo effetto. Se il ragazzo dovesse però diventare un campioncino, difficilmente lo vedremo indossare la stessa maglia azzurra di Alex: "Ho anche la cittadinanza italiana ma vorrei giocare nel Brasile". Quello è il sogno, il futuro. Il presente è una maglia nerazzurra con la scritta 'Del Piero'.