Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
26 dicembre 2012

Top 100 mondiale del Guardian: El Shaarawy ha superato Eto'o

print-icon
[an error occurred while processing this directive]

La testata inglese pubblica la sua classifica: Ibra è quinto, Cavani decimo e Neymar tredicesimo. Il Faraone è al 52.mo posto, due posizioni davanti a Eto'o e quindici sopra Balotelli. Manca Totti. Chiude la lista Paulinho, osservato numero uno dell'Inter

La passione degli inglesi per le classifiche si concretizza nella lista pubblicata dal Guardian per mettere in fila i 100 migliori giocatori del Mondo. Al di là della top ten, di cui si può contestare l'ordine, ma che non riserva grosse sorprese (a partire dal trio Messi, CR7, Xavi) è curioso osservare come l'occhio dei giornalisti britannici sia molto concentrato sulla realtà locale. Un esempio su tutti? Il keniano Victor Wanyama del Celtic, con il pettorale 81, guarda dall'alto gente come Hulk, Pastore, Sneijder e Hamsik.

D'altro canto, l'assenza di Totti non può che stupire noi italiani, in una classifica in cui Lahm è 25esimo, Fernandinho occupa la 38.a posizione, e c'è persino spazio per Emmanuel Mayuka (85.o). Guardando alla Serie A, obiettivamente, è difficile spiegarsi come non siano stati presi in considerazione giocatori come Marchisio, Klose, Di Natale, Milito, Jovetic... evitando di affrontare il discorso difensori (c'è Yanga-Mbiwa ma non v'è traccia di Samuel, per dire). Ma vediamo quali giocatori del nostro campionato hanno avuto la fortuna di rientrare nell'elenco del Guardian, squadra per squadra (tra parentesi è indicato il piazzamento).

Juve: Pirlo (8), Buffon (20), Chiellini (50), Vidal (57), Asamoah (87), Bonucci (88)

Napoli: Cavani (10), Hamsik (97)

Inter: Zanetti (41), Sneijder (95)

Roma: De Rossi (42)

Milan: El Shaarawy (52)

Lazio: Hernanes (71)

Tra le vecchie conoscenze della Serie A, spicca Ibra in quinta posizione. Lo svedese è seguito da Thiago Silva (16), Samuel Eto'o (54), Klaas Huntelaar (63), Mario Balotelli (67), Ezequiel Lavezzi (75), Javier Pastore (89) e Diego Forlan (99).